google-site-verification: googlee3c30f8ac430801b.html
"Alla fine, noi conserveremo solo ciò che amiamo, ameremo solo ciò che comprendiamo, e comprendiamo solo ciò che ci viene insegnato."
Baba Dioum
Benvenuti a tutte le ore di tutti i giorni

gioco con invito

sabato 22 dicembre 2012

Canto nella notte



Una via di mezzo tra un clown e Papà Natale. Ecco come mi appariva la faccia del babbo, insaponata per la rasatura, la nuvola di schiuma, le labbra libere che, per contrasto, mi apparivano molto più rosate del solito.
Labbra che, nonostante l'operazione in corso, continuavano ad essere in movimento.
Infatti anche il tempo di farsi la barba doveva essere messo a frutto e lui ne approfittava per ripetere i passaggi più impegnativi della Missa Pontificalis, che la Schola Cantorum della parrocchia stava ripassando, per accompagnare la Messa solenne di Natale, ormai imminente, e per quell'occasione il coro doveva dare il meglio, ovviamente.
La solennità delle parole in latino scendeva sulla mia testa riccioluta come qualcosa di misterioso e incomprensibile, ma il fatto che il babbo avesse con quei versi tanta confidenza da cantarli durante la toilette quotidiana creava una certa familiarità e anche tanta curiosità.
"Mi ci porti alle prove?".
Le 9 di sera,occorreva essere pronti  con la cena, perché l'impegno delle prove era irrinunciabile ed io tentavo di convincerlo, nonostante lui mi disuadesse: "Ti annoi, è in latino..."
"Ti ho sentito, hai detto "...santa, cattolica, apostolica!"
Insistevo, ripetendo le poche parole del Credo che avevo captato e memorizzato.
Così una fredda sera prenatalizia la spuntai e, col cappottino color cammello abbottonato fino in cima  e la sciarpa che lasciava fuori solo il nasetto, mi avviai alla chiesa per mano a babbo.
La chiesa, fredda e deserta, avvolta nella penombra, incuteva un certo timore, se non fosse stato per la sua presenza rassicurante e raggiungemmo  il parroco e gli altri coristi dierto l'altare, dove era posizionato l'organo.
Era il Pievano stesso a suonare ed a istriure il coro.
 Tutti mi salutarono con affetto e familiarità: "Nini, ci sei anche te, con questo freddo..."
Poi le prime note dell'organo si diffusero nell'aria gelida e, senza staccare le mani dalla tastiera, ad un cenno del capo del sacerdote, le voci cominciarono ad intrecciarsi nel Kirye:
alla profondità dei toni baritonali si contrapponevano i toni alti dei tenori e le voci femminili dei soprano, in un insieme di armonia celestiale.
Io ascoltavo rapita, dalla scaletta dietro l'altare sulla quale avevo preso posto, piuttosto in alto, e di lassù seguivo la complessa melodia, le vocali modulate per cui ogni parola acquistava una solennità totale.
La struttura del Kirye, con le formule ripetute per  tre volte,  senza voler mancare di rispetto né alla religione né alla musica, non è certo la composizione più adatta a trattenere a lungo l'attenzione di una bambina.
Quando poi il Pievano, rilevando alcune imperfezioni, fece un cenno e pronunciò le parole "Da capo", non nego di aver avuto il sospetto che ce l'avesse con me.
Provai a distrarmi in qualche modo, dopo tutto ero in una posizione elevata, a pochi passi dalla culla vuota che presto avrebbe accolto la bella statua di Gesù Bambino, circondata da una corona di luci.
L'ora tarda, il freddo, la mia lotta per non lasciarmi vincere dal sonno era davvero sempre più debole. L'idea della culla, poi richiamava il pensiero del mio lettino. Sentivo la musica  come una ninna nanna   lontana lontana e le mie palpebre si facevano sempre più pesanti.
Il babbo se ne accorse e, prima che cadessi giù dalla scaletta, mi prese in braccio e mi adagiò su una panca vicino a lui.
Il canto continuò a cullarmi e non ricordo come tornai a casa.

12 commenti:

  1. Bellissimo Marilena questo ricordo famigliare e natalizio, di una tenerezza infinita.
    Tantissimi auguri per un felice Natale a te e ai tuoi cari.
    Antonella

    RispondiElimina
  2. Un bel racconto, ti auguro buone feste.
    Beatrice

    RispondiElimina
  3. Tanti auguri di buon Natale!

    ............ (¯ `O '¯)
    ............ * / |.. \ *
    . ............ * ♫ *
    ........., • '* ♥ *' •,
    ....... '* • ♫ ♫ ♫ • *'
    ....... '*, •' ♫ '•, *'
    .... ' * • ♫ * ♥ * ♫ • * '
    ..... *, • B u o n'•, *'
    . * '• ♫ ♫ * ♥ * ♫ ♫ •' * '
    ..... '' • Natale. • '' '
    '' • ♫ ♫ ♫ * ♥ * ♫ ♫ ♫ • * ''
    ............. x ♥ x
    ............... ♥

    RispondiElimina
  4. Marilena, che bel post ;)
    colgo l'occasione per augurarti un felice Natale

    RispondiElimina
  5. Che serenità illumini sempre il tuo cammino! Buone Feste.
    Un abbraccio
    Beatrice

    RispondiElimina
  6. Bellissimi ricordi che riscaldano il cuore!

    _.____.____.✯_____._____,
    _____._.__☉✺☉___.___.___
    ___.__.__❄☉✺❄☉____.___
    _.___._❄☉✺❄☉❄❄☉___.__
    __.__✺❄☉✺❄☉❄✺❄☉.___._
    _._✺❄☉✺❄❄☉☉❄✺❄☉_.___
    _✺❄в υ σ η η α т α ℓ є❄❄☉_.__
    ✺❄☉✺✺✺❄❄☉☉❄❄✺✺❄☉.__
    …………..♟☦♟ ……………
    …………..♟☦♟…


    RispondiElimina
  7. Non potevi Augurarci Buone Feste in un modo migliore :) Bellissimi ricordi e grazie per averli condivisi con noi :) Auguri di cuore!

    RispondiElimina
  8. Buon natale

    A mani tese,
    il cuore mirato
    sul mondo intero,
    a tutti giunga
    il mio messaggio sincero:
    “ AUGURI”
    che sia per tutti
    un Natale vero.
    Come un'unica famiglia,
    tenendoci per mano
    lo sguardo rivolto al cielo
    il Divin Bambinello adoriamo.
    Sia il nostro animo sereno
    illuminato il cuore
    dal rinnovato messaggio d'amore.

    Maria Antonietta

    RispondiElimina
  9. Questi ricordi mi fanno sempre fare un piacevole tuffo nel passato!
    Un abbraccio
    Beatrice

    RispondiElimina
  10. Ricordi dolci ed emozionanti,
    riempono il cuore e coinvolge chi legge.. nel ricordo di chi siamo stati.
    Un' abbraccio grande Gabry

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento:
se capiti qui per caso,
se ogni tanto vieni a trovarmi,
se la curiosità ti accompagna in giro per la rete,
anche un semplice saluto è sempre gradito.
Fata C

comunicazione

I contenuti presenti su questo e gli altri blog dei quali sono titolare sono pubblicati con licenza Creative Commons 3.0 Italia.
Se condivisi devono essere rispettati i seguenti diritti:
- attribuzione: deve essere citato il nome dell'autrice
- non è consentito l'uso per fini commerciali
- non sono permesse modifiche

Alcune immagini sono state prelevate dal Web.
Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare nello spazio commenti e saranno eliminate immediatamente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
Powered by Blogger.