google-site-verification: googlee3c30f8ac430801b.html
"Alla fine, noi conserveremo solo ciò che amiamo, ameremo solo ciò che comprendiamo, e comprendiamo solo ciò che ci viene insegnato."
Baba Dioum
Benvenuti a tutte le ore di tutti i giorni

gioco con invito

mercoledì 30 gennaio 2013

Epilogo Timbouctu con post scriptum

Riporto il post pubblicato il 28 gennaio con il post scriptum con il quale, con grande soddisfazione, la situazione viene aggiornata agli ultimi positivi eventi e valutazioni.

Post del 28 gennaio
La liberazione di Timbouctu da parte dei Francesi e dell'esercito del Mali  riporta all'attenzione la vicenda tragica di questa straordinaria città, che è stata definita con le più suggestive espressioni :
"regina delle sabbie", "perla del deserto", 
"Firenze del Sahara", "città dei 333 santi"
 Un luogo dall'architetura magica e dagli intonaci multicolori che ricorda i tempi medioevali in cui l'impero del Mali era il potente tramite delle rotte carovaniere che portavano nel Magreb ed in Europa l'oro, l'avorio, le spezie e le altre ricchezze dell'Africa Occidentale.

La città, patrimonio dell'Unesco, era sotto il controllo di gruppi qaedisti dallo scorso giugno. I ribelli in fuga incendiano l'istituto Ahmed Baba, l'edificio che custodisce rari manoscritti dal valore inestimabile. E' successo quattro giorni fa e ancora non è possibile conoscere  una stima dei danni.  Sono circa 20mila i manoscritti custoditi nell'istituto Ahmed Baba, rari e fragilissimi, alcuni risalenti al 13esimo secolo, conservati in grotte sotterranee. Timbuctu è stato un fiorente centro culturale: fra le altre biblioteche e collezioni, in città si custodiscono almeno 100mila manoscritti risalenti al periodo anteriore all'Islam, catalogati per secoli, di diversi argomenti. Ci sono trattati di musica, botanica, religione, diritto, scienza, storia, commercio, letteratura, astronomia. Nei mesi scorsi era già stato compiuto un altro scempio: la distruzione di mausolei e dei santuari e le tombe dei teologi sufi, una corrente dell'Islam considerata dai jihadisti troppo moderata. 

               Fonte: La Repubblica Timbouctu:liberato l'aereoporto, islamisti danno fuoco alla biblioteca

 

 

 

 

 

 

 

                            In occasione di quei devastanti avvenimenti, anche la rete si mobilitò per dare il suo contributo in base al principio per cui 

"I monumenti e le opere d'arte sono un patrimonio collettivo appartenente a tutta l'umanità, intesa come coloro che sono, coloro che furono e coloro che verranno e che quindi, come tali, vanno conservati e preservati nella loro interezza e mai, per nessuna ragione, distrutti " 
divulgando un appello dei blogger sottoforma post collettivo che potè contare su un notevole numero di adesioni. 

Oggi che  questa vicenda sembra vicina alla conclusione, accanto alla rinascita di una vita futura migliore per quelle popolazioni che questa tragedia hanno vissuto, si affianca la speranza che, finalmente, l'Umanità impari a praticare la via della Pace, anche attraverso il rispetto dei tesori del passato, che appartengono a tutti, superando ogni confine e ogni diversità.

 

Post Scriptum al post    (in data odierna)

 SALVI QUASI TUTTI I MANOSCRITTI 

                                                                                                                         Fonte: La Repubblica 

DAKAR - La maggior parte dei manoscritti delle collezioni della biblioteca di Timbouctu, in Mali, sono salvi. Al termine di un'occupazione da parte degli estremisti islamici, durata 10 mesi, i volumi risultano ancora intatti, nonostante i timori che i manocritti millenari fossero stati dati alle fiamme. Alcuni testi sono stati effettivamente bruciati, ma quasi il 95 sarebbero intatti. 

8 commenti:

  1. Marilena sei davvero fantastica ad occuparti dei problemi al di fuori del nostro paese e della nostra realtà più prossima, davvero sei da ammirare :)

    RispondiElimina

  2. @ Lella e Olga
    sembrava che le cose si mettessero molto al peggio,c'è da essere assai sollevati!
    Grazie a presto

    @ Luna
    al di là dei nostri guai e prospettive nazionali incerte, questo è un problema anche nostro, perché riguarda il patrimonio di tutta l'umanità.
    Grazie per il tuo apprezzamento

    RispondiElimina
  3. Marilena mi fa piacere che ci siano riusciti!
    Ciao Marilena e buona settimana.
    Magda

    ps. rispondo alla domanda che mi hai fatto, San Geminiano non mi risulta che abbia a che fare con Bologna,la città con le torri.

    RispondiElimina
  4. Un salutino buona settimana cara.

    RispondiElimina
  5. Ciao!
    Sempre interessante passare da te!
    Appena hai tempo,vieni a trovarmi, ho un piccolo pensiero per te!
    A presto!

    RispondiElimina
  6. @ Magda
    ogni tanto una buona notizia , speriamo che si realizzi la pace vera al più presto.
    Quanto a S.GeminiANO,mi riferivo alla storica città in provindia di Siena. Comunque grazie per la risposta , a presto:)

    @ Edvige
    ricambio con piacere il tuo saluto, ciao:)

    @ ideecreative
    grazie, a presto sul tuo blog di deliziose golosità, ciao:-)

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento:
se capiti qui per caso,
se ogni tanto vieni a trovarmi,
se la curiosità ti accompagna in giro per la rete,
anche un semplice saluto è sempre gradito.
Fata C

comunicazione

I contenuti presenti su questo e gli altri blog dei quali sono titolare sono pubblicati con licenza Creative Commons 3.0 Italia.
Se condivisi devono essere rispettati i seguenti diritti:
- attribuzione: deve essere citato il nome dell'autrice
- non è consentito l'uso per fini commerciali
- non sono permesse modifiche

Alcune immagini sono state prelevate dal Web.
Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare nello spazio commenti e saranno eliminate immediatamente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
Powered by Blogger.