google-site-verification: googlee3c30f8ac430801b.html
"Alla fine, noi conserveremo solo ciò che amiamo, ameremo solo ciò che comprendiamo, e comprendiamo solo ciò che ci viene insegnato."
Baba Dioum
Benvenuti a tutte le ore di tutti i giorni

gioco con invito

lunedì 25 febbraio 2013

Disastro Italia? No, disastrosi Italiani


Sento il bisogno di esprimere
il mio profondo dolore
e la mia preoccupata costernazione
per la nostra Italia,
nella quale un grande numero di cittadini
ancora una volta ha compiuto una scelta che,
 dopo le disastrose esperienze passate
conferma di anteporre al bene di tutti noi
l'immoralità
la corruzione
la prevaricazione
l'irrisione dei diritti
e dei principi della Costituzione.

21 commenti:

  1. mi trovi totalmente d'accordo...sono preoccupata per noi, per le nostre speranze e per il nostro futuro.

    RispondiElimina
  2. Secondo me invece questa volta gli Italiani hanno dimostrato di votare pensando e senza lasciarsi condizionare da magistratura, da spread, dalla stampa...bisogna imparare che in Italia esiste ed è viva una destra pensante, bisogna smetterla di pensare al centro destra come a un covo di corruzione e di interessi privati...bisogna smettere , come ho già scritto altrove, di parlare del "bunga - bunga" di cui non importa niente a nessuno e bisogna cominciare a parlare del "banca - banca " che forse è l'interesse di tutti. Bisogna cominciare a rispettare tutti.
    Ciao, buona giornata.
    Antonella

    RispondiElimina
  3. Purtroppo la situazione è tragica e nei prossimi mesi pagheremo le conseguenze.
    In questo Paese si fanno gli interessi di pochi ai danni del popolo.

    RispondiElimina
  4. @Piccikka
    @COdW
    condivido con voi l'apprensione per il nostro futuro

    @Antonella
    ero già passata da te e non avevo commentato per non innescare polemiche.
    Il mio pensiero è già espresso nel post.
    Stendiamo una trapunta pietosa sulla tua enfasi berlusconiana e sulla legittimazione dell'immoralità esercitata per tanti anni e c'è mancato poco che l'incubo ricominciasse.
    Buona giornata a te.
    Marilena

    RispondiElimina
  5. Marilena, in questo momento non ho la testa per seguire gli esiti delle elezioni dove però mi sembra che non abbia vinto nessuno.
    Ti mando un saluto
    Beatrice

    RispondiElimina
  6. E io sottoscrivo le tue parole, marilena. Che delusinoe, che amarezza!

    RispondiElimina
  7. Stendiamo tutte le trapunte che vuoi... io come tantissimi altri italiani ho scelto e senza nessun tono polemico mi ritengo soddisfatta del risultato politico del mio partito e del mio candidato dati per morti prima del tempo.
    Questo è un paese democratico e tutti abbiamo il diritto di esprimere il nostro parere.
    Ciao, Antonella

    RispondiElimina
  8. Una polemica sterile e spiacevole che non sono stata io a volere.
    Hai sentito il bisogno di commentare questo post che esprime una visione opposta alla tua e rientra nella logica delle cose una mia replica coerente.
    Ognuno fa le proprie valutazioni, secondo le propie convinzioni.Io sono ben contenta di tenermi le mie.
    Ciao
    Marilena

    RispondiElimina
  9. Marilena, non mi pareva di essere stata polemica, ho letto un post e come faccio di solito ho commentato esprimendo il mio pensiero ma rispettando il tuo senza stenderci sopra pietose trapunte. Ho sempre avuto rispetto del pensiero degli altri cosa che non sempre avviene nei miei confronti.
    Ciao, Antonella

    RispondiElimina
  10. Antonella,avevo già detto nella prima risposta che non intendevo fare polemiche e per questo non avevo commentato da te.
    Il tuo commento al mio post può essere interpretato in senso provocatorio. Niente di più facile, in questo scenario post elettorale.
    Guai se non ci fossero posizioni diverse!
    Ciao
    Marilena

    RispondiElimina
  11. Io non mi sono riconosciuta in nessun partito e quest'anno, per la prima volta non sono andata a votare. Non poter scegliere i candidati è un grosso limite a cui spero una legge ponga al più presto rimedio. Chissà che, non essendoci garanzie per una maggioranza assoluta, i politici imparino a confrontarsi rispettandosi a vicenda?Ciao Marilena. Mi sembra di vivere nel paese che non c'è. A presto.

    RispondiElimina
  12. Quanto hai ragione!
    Non impariamo mai.
    O ci facciamo abbindolare dalla prima promessa idiota.

    Moz-

    RispondiElimina
  13. Già , concordo anche io e condivido la preoccupazione.
    Credo che gli italiani abbiano espresso un voto di protesta senza in realtà rendersi conto del vicolo cieco in cui si andavano a ficcare....non è la prima volta che si fanno "abbindolare"...ahimé! sento che il problema è profondo e ha molto a che fare con una scuola allo sfascio e con la dittatura imperante della TV... poi, certo, c'è corruzione e malaffare che dilagano ma è l'altra faccia della medaglia... non trovando anticorpi validi, la società civile si corrode un po' tutta...scusate se son stata prolissa e lo sfogo!

    RispondiElimina
  14. Purtroppo gli italiani non hanno avuto una gran scelta. Questo è il nostro paese. Buonanotte cara :)

    RispondiElimina
  15. L'unica strada vincente è quella di vedere nell'altro non ciò che divide, ma ciò che accomuna.Come nel matrimonio:la diversità è ricchezza, risorsa per costruire e dare vita al mondo.Ciao Marilena. Forse vivo tra le nuvole.

    RispondiElimina
  16. Voto di protesta, disorientamento...ripartire da quello che ci unisce superando ciò che ci divide, come dice Anto, sarebbe la strada da percorere nell'ottica del pragmatismo, a vantaggio di tutti, ma le intese sembrano lontane. Oppura le schermaglie, anche feroci, preludono a qualche progetto fattibile? Per adesso siamo quì col fiato sospeso.

    RispondiElimina
  17. Ciao Marilena, buona settimana!
    Ciaooo!!

    RispondiElimina
  18. Ognuno di noi ha votato liberamente sperando che il suo voto contribuisse al bene dell'Italia, comunque fosse. Aspettiamo fiduciosi: chissà che anche questa volta gli Italiani possano dare prova di realismo e di vero desiderio di cambiamento. La storia porta i suoi nuovi sentieri con lentezza. Se la decadenza ha toccato il fondo la strada per risalire non è sempre subito sotto gli occhi.

    RispondiElimina
  19. Grazie per le tue sagge parole che ci invitano alla pazienza e alla fiducia. Un incoraggiamento che ci aiuta a guardare avanti e spero che il tuo pensiero positivo si affermi nella realtà .Gramsci poneva accanto al pessimismo della realtà l'ottimismo della volontà. Ecco,ci siamo.
    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  20. La politica al servizio dei politici e non del popolo.
    Questo è il problema Italia.
    Ciao Marilena

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento:
se capiti qui per caso,
se ogni tanto vieni a trovarmi,
se la curiosità ti accompagna in giro per la rete,
anche un semplice saluto è sempre gradito.
Fata C

comunicazione

I contenuti presenti su questo e gli altri blog dei quali sono titolare sono pubblicati con licenza Creative Commons 3.0 Italia.
Se condivisi devono essere rispettati i seguenti diritti:
- attribuzione: deve essere citato il nome dell'autrice
- non è consentito l'uso per fini commerciali
- non sono permesse modifiche

Alcune immagini sono state prelevate dal Web.
Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare nello spazio commenti e saranno eliminate immediatamente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
Powered by Blogger.