google-site-verification: googlee3c30f8ac430801b.html
"Alla fine, noi conserveremo solo ciò che amiamo, ameremo solo ciò che comprendiamo, e comprendiamo solo ciò che ci viene insegnato."
Baba Dioum
Benvenuti a tutte le ore di tutti i giorni

gioco con invito

lunedì 4 marzo 2013

Contro la violenza e il femminicidio


Da tempo la tragica realtà è uscita dal silenzio e dal tabù
La denuncia è continua, in tutte le forme e i linguaggi.
Ma la violenza e il femminicidio,
la sua faccia più atroce,
continua a falciare la vita delle donne,
con una furia cieca,
tanto che si stenta ad attribuirla ad esseri umani.

 Una nuova iniziativa contro 
la violenza sulle donne:

 http://fioriematrimoni.blogspot.it/2013/02/iniziativa-fai-sentire-la-tua-voce.html
    Per chi vuole aderire a questa iniziativa, pubblicando un post, il  link è quello qui sopra.
                   Per inserire nel blog il vidget, trovate il codice nel blog di Iole


Fino a quando ci sarà ancora bisogno
di gridare questa verità,
di chiedere aiuto per chi non ha voce e difesa?
Fino a quando continuerà la tragica sequenza 
di tante vite calpestate e distrutte,
spesso da chi ne doveva condividere l'affetto e l'amore?

18 commenti:

  1. ho pubblicizzato anche io questo invito alla NO violenza e mi auguro sia per tutti non solo per le donne, ma purtroppo qst mondo va sempre in peggio....un abbraccio cara amica

    RispondiElimina
  2. E' la cosa più misera per un uomo, il far del male a una donna.

    Moz-

    RispondiElimina
  3. E' una cosa orribile...davvero, io non so come un uomo possa uccidere una sua compagna, moglie, sorella...
    Come si puo andare avanti dopo aver commesso un omicidio del genere?!
    E' vergognoso...

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Chi maltratta o uccide una donna non può definirsi uomo.
    Un abbraccio e buona serata
    Xavier

    RispondiElimina
  5. come per molte altre cose, purtroppo più andiamo avanti, più peggioriamo!

    RispondiElimina
  6. Sono d'accordo ma come facciamo con i ragazzi e ragazze che arrivano ai 12 anni e che si picchiano in strada le une con le altre facendo gruppo contro uno solo tra l'indifferenza dei passanti??? è accaduto qui a Trieste poco tempo fa.
    Queste sono le donne e uomini del futuro e se già adesso professano la violenza senza che nessuno le educhi sono faranno domani???? Crescono con la violenza e allora??? Mi spaventa tutto questo.
    Buona serata.

    RispondiElimina

  7. Concordo con quanti vedono nella violenza sulle donne l'escalation della violenza e della degenerazione della nostra società in genere, con le implicazioni sociali ed formative dalle quali non si può prescindere.La cosa peggiore è il silenzio, che significa indifferenza e rassegnazione, se non tacito avallo ad una situazione che, di fatto, c'è sempre stata e che attualmente ha più rilievo, proprio grazie alla mobilitazione che sta avvenendo.

    RispondiElimina
  8. poesia...8 Marzo...è festa?????


    8 Marzo...è festa??



    Non spendete sorrisi
    lasciate che,
    dall'albero,
    raggiera di mimose
    illumini
    il ricordo di quelle donne
    figlie, madri, sorelle, spose,
    immolate sugli altari
    dei loro e nostri diritti esistenziali.
    Mai paura esternarono
    in lotta di riscatto
    di umana considerazione,
    liberazione cercarono
    da atavica oppressione,
    da quel di Eva ,
    sconsiderato animale,
    da uso e resa
    al servizio di un padrone.
    l'otto Marzo
    è un giorno di commemorazione
    riconosciuta giornata internazionale
    dei diritti acquisiti ,
    sulla carta,
    da noi civili donne.
    C'è poco da festeggiare!!
    ardua è ancor la strada del nostro andare.
    Son morsi di serpenti al cuore
    violenti atti e di ogni sorta
    silenti o ecclattanti abusi
    spesso legittimati da costumi, religioni, usi
    Restituiamo dignità a questo giorno,
    da consumistica usanza reso vano
    e all'uomo che con una mimosa in mano
    ci dirà “ ti amo”
    ricordiamogli che
    siamo donne tutto l'anno.
    CIAO MARILENA

    RispondiElimina
  9. Cia Mietta,
    mi sono sempre opposta alla visione consumistica e festaiola della Giornata della Donna, qualche volta anche da sola nel mio ambiente di lavoro, spiegando le ragioni e lasciano che mi si giudicasse "asociale", un complimento in certi casi.
    Per questo sento veri e sinceri i tuoi versi :)

    RispondiElimina
  10. Come ho sempre insegnato nella mia famiglia, chi fa del male a una donna non è degno di chiamarsi uomo.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Ciao, ti abbiamo trovata grazie all’iniziativa di Monnalisa Style….Blog carinissimo!!

    Siamo tue nuove followers! Se ti va passa a trovarci!!! :-D
    Bacino ♥
    Online Fashion Gastro Blog
    Facebook

    RispondiElimina
  12. @ Beatrice
    Il commento di Xavier rispecchia pienamente il tuo insegnamento: i valori e i principi si imparano dalle persone co le quali si condivide la vita!
    Saluti cari a tutti e due

    @Le Tre Line
    benvenute, verrò presto a trovarvi!

    RispondiElimina
  13. ma che è successo..ho fatto un giro pazzesco per arrivare qui....quasi ci rinunciavo...

    RispondiElimina
  14. Ti ringrazio, Cristina, ma non ho avuto altre segnalazioni di difficoltà.Speriamo che sia un dovuto al caso.Ancora mille grazie:)

    RispondiElimina
  15. Ho messo anch'io l'adesivo di Jole proprio ora..Non so quando finirà questa strage. Non dobbiamo mollare, ma denunciare ogni forma di violenza. Avere anche la sensibilità per capire chi sta vivendo questo incubo e aiutare queste donne. Bacioni cara..ho poca voglia di festeggiare domani.

    RispondiElimina
  16. Il modo migliore per ricordare la donna sarebbe quello di finire di usarle violenza.
    Ciao Cara Marilena, notte serena!
    Dani

    RispondiElimina
  17. Il modo migliore per ricordare la donna sarebbe quello di finire di usarle violenza.
    Ciao Cara Marilena, notte serena!
    Dani

    RispondiElimina
  18. ciao complimenti per il blog!!!
    ti ho conosciuta grazie all'iniziativa di monnalisa style!!!
    nuova fallower..
    se ti va passa da me
    http://casa-dolcecasa.blogspot.it/2013/02/fai-conoscere-il-tuo-blog.html

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento:
se capiti qui per caso,
se ogni tanto vieni a trovarmi,
se la curiosità ti accompagna in giro per la rete,
anche un semplice saluto è sempre gradito.
Fata C

comunicazione

I contenuti presenti su questo e gli altri blog dei quali sono titolare sono pubblicati con licenza Creative Commons 3.0 Italia.
Se condivisi devono essere rispettati i seguenti diritti:
- attribuzione: deve essere citato il nome dell'autrice
- non è consentito l'uso per fini commerciali
- non sono permesse modifiche

Alcune immagini sono state prelevate dal Web.
Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare nello spazio commenti e saranno eliminate immediatamente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
Powered by Blogger.