google-site-verification: googlee3c30f8ac430801b.html
"Alla fine, noi conserveremo solo ciò che amiamo, ameremo solo ciò che comprendiamo, e comprendiamo solo ciò che ci viene insegnato."
Baba Dioum
Benvenuti a tutte le ore di tutti i giorni

gioco con invito

domenica 31 marzo 2013

Pasqua, auguri!


 


Dentro l'uovo
 chi lo sa
che sorpresa
ci sarà?
Buona Pasqua 
a tutti quanti
Con gli auguri 
più squillanti!

lunedì 25 marzo 2013

2 Premi: "Liebster Award" e "Very Inspiring Blogger Award"

Sono molto lieta di aver ricevuto il mio secondo "Liebster Award"
dalla cara amica Sheryl, autrice del blog


Il suo è un blog giovane e spigliato, una ventata di freschezza e di spontaneità,.
Bello e pieno di significati positivi anche il titolo, quella frase da "La Gabbianella e il Gatto" con la quale Sepùlveda  incita a confrontarsi con la realtà

Le regole sono:

- Ringraziare i blog che ti hanno assegnato il premio citandoli nel post
- Rispondere alle 11 domande poste dal blog stesso
- Scrivere 11 cose su di te
- Premiare, a tua volta, 11 blog (preferibilmente con meno di 200 followers)
- Formulare altre 11 domande a cui gli altri blogger dovranno rispondere
- Informare i blogger del premio assegnato


Ecco le 11 domande alle quali Sheryl invita a rispondere i "suoi "blogger", con le mie "diligenti" risposte

1) Qual'è o quali sono i libri che hanno lasciato qualcosa dentro il tuo cuore?
Sono molti, in verità. Uno per tutti "Germinale" di Zola, che adesso sta leggendo mio figlio, un testo fondamentale nella formazione della coscienza sociale di ogni individuo.
2) C'è un libro che prima amavi e che adesso non ti piace più, o viceversa?
Un po' come le cotte giovanili, anche  i libri passano, ma lasciano sempre qualcosa
3) C'è qualche libro che per vari motivi non sei mai riuscito a finire?
"Le memorie dal sottosuolo"di Dostoevskij ....eppure è un autore che amo e ho letto opere sue più lunghe, ma questo breve testo psicoanalitico ante litteram proprio...
4) Hai mai conosciuto qualche autore/autrice famoso/a?
Come ho scritto altre volte, vivo nel paese natale di Antonio Tabucchi. Non l'ho conosciuto personalmente, ma qui c'è molto di lui
5) Un libro che ti ha consigliato una persona speciale?
Non vorrei apparire pedante, ma di solito sono io che consiglio gli altri. Mio figlio Lorenzo mi ha consigliato i libri di Palahniuk, di Pennac e Benni, crudi geniali  fantasiosi gerotteschi ...mi sono divertita
6) Qual'è il tuo cibo preferito?
Il pane, anzi il PANE!
7) Sei una persona che agisce più col cuore o con la testa?
Spero che alla mia età cuore e testa interagiscano efficacemente
8) La tua canzone preferita?
Una tra le tante "Il navigante delle stelle" di Vecchioni (Canto notturno (di un pastore errante dell'aria)
9) Qual'è il tuo più grande sogno?
A un certo punto della vita i sogni somigliano molto alla realtà  da condividere serenamente con le persone care.
10) Posta un'immagine che ti rappresenta in questo momento.
Vorrei tanto vederci chiaro...e anche capirci qualcosa!
11) Scrivi la tua citazione preferita.
"Se si riuscisse a togliere la fretta e l'affanno dalle nostre giornate si scoprirebbe che spesso quello che rincorriamo è già qui."
Uno spicciolo di saggezza personale 


Se devo dire 11 cose su di me, preferisco parlare delle cose che mi piacciono
  1. la pioggia, l'autunno, il cielo grigio, quando per tutto il giorno sembra la stessa ora
  2.  tenere la gattina Stanzi sulle ginocchia, tutta sfusacchiante, coccolarla, perdere tempo, che bello!!
  3. Mozart
  4. Leggere più libri contemporaneamente, l'ho sempre fatto
  5. Scrivere quello che mi passa per la testa, per questo ho aperto il blog
  6. Filastroccare, ma anche scrivere in versi e in prosa, per questo ho aperto altri due blog
  7.  il pane raffermo tostato inzuppato nel caffellatte
  8. l'enigmistica, la ginnastica del cervello
  9. misurarmi con i problemi tecnici del pc e vantarmi quando li risolvo ( tutta fortuna e caso)
  10. cucinare ricette tradizionali raccattando notizie da anziane cuoche, che spesso si contraddicono, ahimè!
  11. esperimentare  piatti e dolci nuovi e vedere la perplessità dei commensali trasformarsi in meraviglia, (per questo ho aperto il quarto e, per adesso, ultimo blog)
Per quanto riguarda le mie domande, ho pensato di adattare quelle già proposte per il Liebster precedente.
Ecco le mie11 domande di grande spessore e impegno:
  1. Felpa o maglione?
  2. Spaghetti o pasta corta?
  3. Caffè o cappuccino?
  4. Latte o limone?
  5. Petto o coscia? ( senza malizia, ci mancherebbe!)
  6. Parole crociate o rebus
  7. Italiano o matematica?
  8. Storia o geografia?
  9. Pari o dispari? ( la più enigmatica)
  10. Aglio o cipolla
  11. Giorno o notte?
  12. Scacchi o Battaglia navale?
Mi sono accorta che sono 12, ma mi dispiace eliminare il frutto del mio ingegno...potrei continuare, ma  è il momento del rullo dei tamburi e, insieme al post invierò al blog prescelto anche una cospicua dose di fosforo,
per fare fronte all'intenso sforzo intellettuale.

Venendo alle regole che caratterizzano i premi virtuali, da un po' di tempo ho adottato criteri flessibili  ed anche più mirati e quindi procedo alla nomina di un solo blogger, allo scopo di effettuare una scelta motivata e personale, che nel contempo non fermi la circolarità di questi premi, utili a consolidare i contatti con gli amici della rete.
Ho il piacere di assegnare questo simpatico premio a

 MikiMoz, 
autore del blog  di scanzonata profondità,
mi si passi l'ossimoro,

 

Saluto Sheryl, ringraziandola ancora vivamente per il premio che mi ha donato :-))

 Il secondo Awards di questo post ( secondo solo in ordine di redazione, s'intende!) è un bel premio, molto raffinato nella sua grafica vintage.
"Very Inspiring Blogger Award "

Mi è stato donato da Maria Antonieta Sechi, più brevemente Mietta, amica blogger di lunga data, autrice di 

NEROSUBIANCO

un blog di notevole spessore letterario, che offre poesie in lingua italiana e sarda e suggestivi racconti  che ci portano nel cuore della sua bellissima Isola. Ringrazio tanto Mietta per il suo gentile pensiero e le dedico questa immgine  

Ti ricordi, Mietta?...la Fata Confetto !!

   Le regole del premio prevedono di dire 7 cose che riguardano noi stessi e di premiare altri 7 blogger.
Qui sopra ho elencato  ben 11 cose di me e mi sembrerebbe di peccare di protagonismo sfrenato aggiungerne ancora 7!
Riguardo alla consegna, seguo lo stesso criterio dei premi precedenti e scelgo un solo blogger in questo caso si tratta della carissim amica
   Luna
autrice con Blade e Barbapapà del food blog
un allegro blog tematico, immerso in uno sfondo di simpatici pasticcini rosa, 
dove troviamo ricette ottime  e invitanti, descritte con chiarezza e vivacità.

Grazie ancora a Mietta , che saluto con  tanto affetto 
                              

                       

venerdì 22 marzo 2013

L' Acqua, la Vita

71 % - Н2O - 
Il nostro Pianeta visto dall'Apollo 17


 

 

Il ruscello

di Angiolo Silvio Novaro 


C’era una volta un giovane ruscello
color di perla, che alla vecchia valle
tra molli giunchi e pratoline gialle,
correva snello;
e c’era un bimbo che gli tendea le mani
dicendo: “A che tutto cotesto foco?
Posa un po’ qui: si gioca un caro gioco
se tu rimani.
Se tu rimani, o movi adagio i passi,
un lago nasce e nell’argento fresco
della bell’acqua io, con le mani, pesco
gemme di sassi.
Fermati dunque, non fuggir così!
L’uccello che cinguetta ora sul ramo
ancor cinguetterà, se noi giochiamo
taciti qui”.
Rise il ruscello e tremolò commosso
al cenno delle amiche mani tese;
e con un tono di voce cortese
disse: “Non posso!
Vorrei: non posso! il cuor mi vola: ho fretta.
A mezzo il piano, a leghe di cammino,
la sollecita ruota del mulino
c’è che mi aspetta;
e c’è la vispa e provvida massaia
che risciacquar la nuova tela deve
e sciorinarla sì che al sole neve
candida paia;
e v’è il gregge, che a sera porge il muso
avido a bere di quest’onda chiara,
e gode s’io lo sazio, poi ripara
contento al chiuso.
Lasciami dunque” terminò il ruscello
“correre dove il mio dover mi vuole”.
E giù pel piano, luccicando al sole,
disparve snello.

Segue a ruota l'equinozio di Primavera la Giornata Mondiale dell'Acqua
Lasciando analisi di carattere ambientale, ecologico, sociale, economico ecc e le relative polemiche  agli specialisti ,  ho pensato di esprimere il senso della vita stessa che l'acqua porta con sé ricercando una poesia conosciuta sui banchi delle elementari.
E' un quadro fresco e ingenuo, un dialogo nel quale all'invito giocoso del Bambino, il Ruscello risponde enumerando le molte situazioni che pongono l'acqua al centro della Vita dell'Uomo sulla Terra.
E, animato da un linguagio poetico semplice e fiorito, questo grande insegnamento, vitale per tutti noi, non palesa l'intento didattico, che lo renderebbe una banale lezione, probabilmente inascoltata, ma diventa un messaggio universale, come in un gioco evocativo d'immagini e di suoni, dove l'acqua è protagonista "umile e preziosa" della vita della Natura e di tutte le Creature.


sabato 16 marzo 2013

Le parole di Laura

Nel suo discorso di insediamento, la neo Presidente della Camera
Laura Boldrini, ha ricordato
 "le donne che subiscono l'umiliazione della violenza travestita da amore".


 
La standing ovation dell'Aula  ha suggellato queste parole. 
Applausi  a ripetizione sottolineano altri passaggi del discorso di insediamento, che focalizzano  i temi da sempre al centro dell'attività della nuova Presidente: i migranti, i rifugiati, i diritti degli ultimi.
Tra loro e per loro  ha speso per anni la sua vita, la competenza, l'energia, la costante affermazione, negli scenari più tragici, della visione umanitaria e solidale  e della lotta a tutte le discriminazioni.
"Quest'aula dovrà ascoltare la sofferenza sociale di una generazione che ha smarrito se stessa..."
Ed accanto ai temi sociali, gli esodati, i disoccupati, l'impresa al collasso, i pensionati e le famiglie sull'orlo della miseria, e molti già oltre, Laura fa riferimento  al  rispetto per le Istituzioni della Repubblica, ai valori della Resistenza e dell'Antifascismo.

"Non antipolitica, ma buona politica"

 Non esito a dire che l'applauso dell'Aula ha suscitato in me una sincera commozione.
Dopo anni che da quei banchi sono venute troppe parole ed atti in aperto contrasto nei confronti del bene del nostro Paese ed al rispetto non solo delle Istituzioni e dei principi della Costituzione, ma, spesso, della stessa Verità.
E' stato come un "ritorno a casa", per usare un'espressione di Baricco; ritrovare qualcosa che da tempo era compresso, negato e disconosciuto.


giovedì 14 marzo 2013

Un nuovo Francesco

Il Signore ha  mandato un  nuovo Francesco alla sua Chiesa.
 Il semplice invito alla preghiera dopo il primo familiare saluto "Fratelli e sorelle buonasera", è stato un momento di autentica vita comunitaria, di codivisione fraterna.
San Francesco fu grande per la  povertà e per la forza con la quale lottò per riportare nella Chiesa lo spirito e la pratica del Vangelo.
Oggi si chiama mission, ma la sostanza rimane quella.
E' quello che il mondo cattolico, ma anche i laici, si aspettano da quest'uomo, da ieri al centro del mondo, in quella Roma dove in tante altre epoche  quella stessa Chiesa ha vissuto momenti di cupo allontanamento dalle vie del Signore.
Un uomo, non un santo, con le sue luci ed ombre.
 Il silenzio sulla dittatura ricorda altri "silenzi" degli uomini di Dio, da Pio XII sugli Ebrei a Papa Wojtyla sulla pedofilia  e chissà quanti altri silenzi nel segreti del Vaticano.
 Da questo Papa, che l'elezione al Soglio di Pietro riconduce nel Paese di origine da una Terra "quasi alla fine del mondo", come lui stesso ha detto, il mondo aspetta, insieme alla guida spirituale, il rinnovamento nel segno del Vangelo e dei veri valori cristiani.
Allora le ombre saranno sempr più sbiadite e le luci sempre più fulgide.

mercoledì 13 marzo 2013

Addio Teresa, la ragazza della Costituente


A pochi giorni dalla Giornata della Donna, scompare Teresa Mattei, figura emblematica della Resistenza e poi la più giovane eletta nell'Assemblea Costituente, la chiamavano "la ragazza di Montecitorio".
Ha contribuito alla  stesura dell'articolo 3, cardine della nostra Costituzione
Fu lei ad indicare nella mimosa il fiore simbolo per la Donna:
"Scegliamo un fiore povero, facile da trovare nelle campagne"


Nel messagio del Presidente Napolitano si legge:
" Nel lungo corso della sua esistenza si è dedicata con infaticabile impegno 
nell'affermare i diritti delle donne nella società e quelli dell'infanzia,
 in attuazione dei principi di quell'articolo 3 della Costituzione 
alla cui redazione aveva efficacemente contribuito."

Nativa di Genova, viveva con la sorella a Lari, storico borgo delle Colline Pisane, dove si è spenta ieri, all'età di 91 anni, dopo una lunga vita spesa per l'affermazione dei diritti   delle donne e dei minori.
                                                                                                  Fonte: "La Repubblica.it"

                                          Scelse la mimosa simbolo dell'8 marzo

Il suo messaggio ai giovani  

"Voi siete il nostro futuro, 

cercate non di assomigliarci

 ma di essere meglio di noi. 

lunedì 4 marzo 2013

Contro la violenza e il femminicidio


Da tempo la tragica realtà è uscita dal silenzio e dal tabù
La denuncia è continua, in tutte le forme e i linguaggi.
Ma la violenza e il femminicidio,
la sua faccia più atroce,
continua a falciare la vita delle donne,
con una furia cieca,
tanto che si stenta ad attribuirla ad esseri umani.

 Una nuova iniziativa contro 
la violenza sulle donne:

 http://fioriematrimoni.blogspot.it/2013/02/iniziativa-fai-sentire-la-tua-voce.html
    Per chi vuole aderire a questa iniziativa, pubblicando un post, il  link è quello qui sopra.
                   Per inserire nel blog il vidget, trovate il codice nel blog di Iole


Fino a quando ci sarà ancora bisogno
di gridare questa verità,
di chiedere aiuto per chi non ha voce e difesa?
Fino a quando continuerà la tragica sequenza 
di tante vite calpestate e distrutte,
spesso da chi ne doveva condividere l'affetto e l'amore?

comunicazione

I contenuti presenti su questo e gli altri blog dei quali sono titolare sono pubblicati con licenza Creative Commons 3.0 Italia.
Se condivisi devono essere rispettati i seguenti diritti:
- attribuzione: deve essere citato il nome dell'autrice
- non è consentito l'uso per fini commerciali
- non sono permesse modifiche

Alcune immagini sono state prelevate dal Web.
Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare nello spazio commenti e saranno eliminate immediatamente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
Powered by Blogger.