google-site-verification: googlee3c30f8ac430801b.html
"Alla fine, noi conserveremo solo ciò che amiamo, ameremo solo ciò che comprendiamo, e comprendiamo solo ciò che ci viene insegnato."
Baba Dioum
Benvenuti a tutte le ore di tutti i giorni

gioco con invito

domenica 31 agosto 2014

Buongiorno, Mr. Pipistrello!



Un risveglio inconsueto aspettava me e mio marito in questa ultima giornata di un agosto settembrino.




Già la nottata non era sata granché, quanto a sonno, intendiamoci!
Prima di andare a dormire, ho votato per "gli Oscar dei blog", chi lo vuole fare o desidera informarsi dettagliatamente, può cliccare qui sotto

MIA2014 - Macchianera Italian Awards

...e siamo quasi all'una!                                                                                                                              Poi rincasano i ragazzi, uno dopo l'altro e abbastanza presto, per essere di sabato sera: meno male, meno ansia  nele pause del sonno ...e siamo alle due passate.

 Anche la gatta, terminato il giro per la corte e su per  i tetti, tra cielo nero e tegole, rientra al seguito dei figli, alla ricerca di un posticino adatto per acciambellarsi, non prima di averci salutato con testatine e strofinamenti seduttivi e dopo svariati tentativi di condividere il mio guanciale o piazzarsi al centro del lettone, tra me e Antonio, suscitando ricordi di invasioni di bambini da piccoli, ma questo privilegio non le è concesso e si accontenta di posizionarsi al mio fianco, piacevole contatto per tutte e due...e suonano le tre.
Finalmente la casa piomba nel silenzio e nell'oscurità  si cerca il sonno che intanto, passata l'ora solita, si fa desiderare.
Dopo quanto non lo so, nella nebulosa ovattata del dormiveglia, sento un rumore che si ripete, indecifrabile per origine e provenienza.
Stanzi è nervosa e va in giro a salti, gratta qua e là, miagola inquieta e si becca pure una inefficace sgridata, finchè  mio marito non la fa uscire di nuovo e poi lui sale al piano superiore, per accertarsi se i rumori non  provengano  per caso dalla camera di Michelangelo, che è nel suo letto e gli risponde assonnato.
Allora pensiamo che sia la vicina, abitualmente molto mattiniera, che si muove nella stanza contigua alla nostra.
 Il rumore intanto continua, si sente come un fruscio, che si sposta in alto, sul soffitto, si interrompe brevemente e allora si avverte un leggero grattare, come di unghiette.
Il fruscio  riprende a tratti... poi Antonio vede nella penombra una piccola ombra mobile, rapida  e vorticante: " E' un pipistrello".
Stupore di tutti e due.
Facciamo luce aprendo la finestra, ormai è giorno pieno: l'uccello vola in cerchi concentrici, intorno alla ventola che in estate sostituisce il lampadario ( quest'anno quasi inutilizzata). Giri cechi, guidati dal suo sonar personale, in cerca di un'uscita. Probabilmente è entrato dalla terrazza o da un'altra finestra, ma io ho chiuso la porta della stanza per non rischiare di continuare l'avventura in un'altra parte della casa.
Lui continua il volo cieco, ogni tanto si aggrappa al bastone delle tende; noi facciamo goffi tentativi non si sa  in base  a quale strategia, sventolando scope, per cercare di guidare la traettoria  del volo verso l'esterno.
"Se ti entra nei capelli, te li devi tagliare" mi viene in mente di aver sentito dire, a causa degli uncini sulle ali membranose di questo uccello, che porta il retaggio di tante dicerie, tutte spiacevoli, mezzo topo e mezzo uccello, con fama vampiresca amplificata da cinema e letteratura.
Nessuno che lo ringrazi per liberarci da zanzare e altri insetti, questa bestiola un po' misteriosa e innocua,  che oggi si tende per fortuna a riabilitare.
Mi sono lasciata tentare a fare qualche improbabile fotografia, dato il suo vorticoso movimento, ma quando sono rientrata nella stanza con la digitale,  il pipistrello se n'era andato...così non ho potuto assistere all'uscita di scena del protagonista della mattinata e mi sono limitata a chiudere il sipario delle tende.
Fine dell'avventura e inizio del recupero di un po' di sonno.
Dopo il primo sonnellino è suonata la sveglia per Lorenzo,che, stranamente nel giorno festivo, usciva  presto con gli amici per  una meta assai distante...poi è rientrata la Stanzi, rassicurata, ed ha ricominciato i suoi saluti,  poi le campane della Parrocchiale annunciano la S. Messa delle otto, meglio alzarsi e scrivere un post.


 

 

29 commenti:

  1. Che notte.... :D ma non è vero che si debbano tagliare i capelli se il pipistrello vi si impiglia...
    bello il banner Alter ego, porta una foto di un mio concittadino Wulz, che ha sovrapposto i ritratti della gatta e della sorella sorella!!! Una delle sue foto più suggestive...
    buona serata e soprattutto buona notte!!

    RispondiElimina
  2. Ciao Renata,
    la storia dei capelli la sentivo dire da piccola e alimentava la paura immotivata verso i poveri pipistrelli.
    In effetti è stata una notte intermittente, poco sonno , ma anche un po' di risate.
    Alter Ego è il blog collettivo di Fioredicollina, se non lo conosci ti invito a visitarlo, è interessante anche per i diversi linguaggi espressivi usati dagli Autori.
    Il banner è opera di Andegrafic(Anna Ande), molto brava e creativa. Mi fa piacere conoscere l'autore della foto, davvero molto suggestiva e inquietante.
    A presto
    Marilena

    RispondiElimina
  3. Notte decisamente movimentata ma ti rifarai nel riposo sicuramente questa notte.
    Baciobacio ♥♥♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lunedì notte: temporale, vento similtrombadaria, uscita in terrazza alle 5 per salvare vasi di fiori precari (sia i fiori che i vasi)
      Martedì notte: falso contatto clakson monotonale vecchia Panda (1999) che suona per due volte per la durata di pochi ma anche tanti minuti. Tutta la famiglia nella corte, nessun reclamo dei vicini, scollegamento batteria, ore 4.
      Cara Annamaria, speriamo che sia finita!

      Elimina
  4. davvero una notte movimentata praticamente non avete chiuso occhio!
    è vero comunque che i pipistrelli sono molto utili per combattere le zanzare ...vengono vendute delle apposite casette destinate a
    loro
    anche a me farebbe impressione trovarmelo in casa ed avrei paura che si attacchi ai capelli
    :-) ciao e buon inizio settembrino....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fiore, anche a me interessa l' esperimento della casetta, qui c'è un notevole ripopolamento di tante specie di uccelli:-)

      Elimina
    2. Si sarebbe interessante! .
      Grazie che sei passata x il libro.

      Elimina
  5. Ho ogni anno 2-3 pippistrelli inserita per dormire di giorno nella mia tenda per il sole nel terrazzino posto sottovento. Mi dispiace mandarli via ma la tenda mi serve. Ho tentato di mettere la casina ma niente da fare loro vogliono la tenda e poi la gatta diventa matta tutto il tempo arrampicata a segnalare qualcosa manca poco che alza la zampina per indicarmi il posto. Questi sono piccolissimi. Ciaoooo buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Edwige, il tuo nik name mi fa pensare che hai una certa simpatia per gli uccelli notturni...le nostre gatte no!

      Elimina
  6. Ciao Marilena ,il tuo bel racconto di vita vissuta mi ha trasportato nel passato ,quando adolescente passavo le mie estati a Roma con zie ,zii , cugini e tre gatti, in un grande appartamento dove il silenzio era bandito in tutte le ore,giorno o notte che fosse.
    Felice giornata,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti un po' di sarabanda c'è stata!
      Ciao Fulvio

      Elimina
  7. Che notte, ragazzi!!!

    L'hai presa ancora bene, Marilena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è tutto oro quello che luccica, ma in fondo è stato un ...diversivo:-)

      Elimina
  8. Ciao Marilena, una bellissima avventura e, complimenti, scritta benissimo! Anche noi ieri mattina abbiamo avuto un ospite, un topolino. Non l'ho presa bene come te, io sono terrorizzata...il poveretto era caduto nella cesta della raccolta della carta, in cucina, e mio marito l'ha trovato che non riusciva più ad uscire...alla fine l'ha liberato nel bosco.
    Un abbraccio e buona settimana.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli ospiti inaspettati ci vengono a cercare: in effetti il topolino è più difficile da gestire.
      Anch'io, Antonella, non sono stata così entusiasta del mio pipistrello, ma poi, quando scrivo, mi diverto, poi ...
      :D

      Elimina
  9. Anch'io sentivo dire la stessa storia dei capelli, non ho la più pallida idea se sia vera o no ma la cosa che mi faceva più impressione non era il taglio dei capelli ma quella di avere un pipistrello in testa. Queste visite per me sono spiacevolissime, sono terrorizzata dai topi e il pipistrello per me è solo un topo con le ali.
    Un caro saluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Mezzo topo e mezzo uccello", non è proprio un gran ritratto.
      nei capelli è un discreto guaio, ma sono sovrastimati, quanto a ribrezzo, povere bestiole!

      Elimina

  10. Ciao Fata!
    Wow che bella visita hai ricevuto!!
    E' successo anche a me in una delle case che ho frequentato.. avendo un lampione attira insetti ad altezza finestra, ogni tanto lo trovavamo a vorticare nella stanza!!
    Peccato per la mancata fato, ma chissà che primo o poi non torni!!
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che tu tratti questo ospite con una certas disinvoltura!
      ma anche se non torna è uguale:D

      Elimina
  11. Ciao Marilena,
    tanto tempo fa ad una mia amica entrò un pipistrello che, combinazione, decise di avvinghiarsi alla bellissima chioma della mia amica. Lei era terrorizzata e ci misero un sacco di tempo prima di riuscire a staccarla però non ricordo se tagliò i capelli.
    Un bel post, non sapevo degli Oscar del blog, vado a sbirciare. Ci vediamo tra qualche giorno, quando riapro il blog a presto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Audrey,
      deve essere stat una bruttissima avventura per la tua amica, una certa impressione la fanno, poverini!
      Vale la pena seguire l'evento Macchianera per noi blogger. E' in gara anche una mia giovane compaesana con il traveblog "Trippando" e poi ci sono tante diverse realtà virtuali interessanti:-)

      Elimina
  12. Capiterina notte movimentata :-)),i pippistrelli non li vedo da molto tempo,si può dire da quando ero ragazzina.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà che non accontentino anche te con una visitina di cortesia!
      Si stanno moltiplicando, bene per la caccia agli insetti!
      :-)

      Elimina
    2. Oddio,chissà come me la vavo :-))

      Elimina
  13. Bella la visita inattesa del pipistrello, quando ero piccola amavo vederli volare!
    Dai una carezza alla tua gatta da parte mia, è tanto tempo che non faccio una coccola a un gatto.
    Bacissimi

    RispondiElimina
  14. Ciao Melinda,
    meno male che qualcuno spezza una lancia in favore di questi piccoli uccelli bistrattati!
    Quanto alla Stanzi, è tutta fiera di essere coccolata anche online:-)

    RispondiElimina
  15. I quite like reading through an article that can make
    people think. Also, thanks for allowing me to comment!

    Have a look at my web page: Visit gramlamb for photo likes

    RispondiElimina
  16. Questa sì che è una notte avventurosa!!!
    Povero pipistrellino, chissà che paura ha avuto lui, i miei piccoli mici sono da tenere a bada, una settimana orsono Trilly che ha 5 mesi, è riuscita a prendere un passerotto che beccava briciole, lei è corsa in casa attraverso la gattaiola, ho visto che aveva in bocca qualcosa, quando mi sono resa conto che era un passerotto, le ho aperto la bocca e lui è volato fuori dalla finestra, emmenomale ...salvo.
    Che avventure...con un buon finale!
    Ciao Marilena, buona domenica, un abbraccio.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La gattina si allena cacciando tutto ciò che si muove...il passerottino è vivo per scommessa, meglio così.
      Nella nostra zona siamo in fase di ripopolamento e in questi giorni sono stati liberati 50 pipistrelli, chissà che non avremo visite di nuovo!
      Un caro saluto:-)
      Marilena

      Elimina

Grazie per il tuo commento:
se capiti qui per caso,
se ogni tanto vieni a trovarmi,
se la curiosità ti accompagna in giro per la rete,
anche un semplice saluto è sempre gradito.
Fata C

comunicazione

I contenuti presenti su questo e gli altri blog dei quali sono titolare sono pubblicati con licenza Creative Commons 3.0 Italia.
Se condivisi devono essere rispettati i seguenti diritti:
- attribuzione: deve essere citato il nome dell'autrice
- non è consentito l'uso per fini commerciali
- non sono permesse modifiche

Alcune immagini sono state prelevate dal Web.
Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare nello spazio commenti e saranno eliminate immediatamente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
Powered by Blogger.