google-site-verification: googlee3c30f8ac430801b.html
"Alla fine, noi conserveremo solo ciò che amiamo, ameremo solo ciò che comprendiamo, e comprendiamo solo ciò che ci viene insegnato."
Baba Dioum
Benvenuti a tutte le ore di tutti i giorni

gioco con invito

domenica 21 settembre 2014

Primo giorno d'Autunno: primo??




 L'estate che si conclude è stata talmente fuori dalla media da sembrare una primavera ormai sfiorita, ma ostinata a non cedere il passo o anche un autunno in anticipo esegerato, come quegli ospiti che arrivano troppo presto e finiscono con l'intralciare i preparativi di una festa.


Infatti per chi vede l'estate come una stagione festosa, calzano a pennello i versi di una bella e malinconica canzone di Sergio Endrigo, un cantautore sempre elegante e raffinato che, con compassata rassegnazione, nel 1968 cantava: "...la festa appena cominciata è già finita...", che nel 2014 si sarebbero rivelato un  verso profetico.
Il saluto di questa estate sottotono è stato clamoroso qui in Toscana.
Tromba d'aria? Bomba d'acqua? Forse tutte e due, quella del 19 settebre è stata una giornata meteoimpazzita.
 Mai visto un buio così  prima di mezzogiorno, quasi un'eclisse e poi la violenza improvvisa del vento e della pioggia.
Firenze sotto una coltre di grandine, danni anche al patrimonio storico- artistico.
Danni in molte parti della Toscana, per fortuna non alle persone.
Anche qui a Vecchiano ci sono stati nel territorio comunale tetti scoperchiati e alberi sdradicati. Nel capoluogo, dal tetto del campanile della nostra Chiesa  Parroccchiale di S. Frediano, oltre al volo di  alcune tegole, è stato divelta la Croce di ferro che è finita sulla strada sottostante.
E' stato necessario l'intervento dei Vigili del Fuoco per mettere in sicurezza l'edificio.
 I grandi coppi di terracotta, finemente decorati con festoni in rilievo, con belle piante  sempreverdi che delimitano la piazza della Chiesa, sono finiti rovinosamente a terra, rompendosi irrimediabilmente.
Anche l'acqua piovana, sospinta dalle violente raffiche di vento, nonostante che il portone fosse chiuso, ha invaso il pavimento della Chiesa per circa metà della sua lunghezza, fino all'altezza degli altari laterali, aumentando i danni e un senso di sgomento della nostra Comunità.
Un'estate che certamente  nessuno rimpiangerà.

Il tempo scandisce i nostri giorni e la stagione nuova si avvicenda a quella trascorsa.
Mentre scrivo mi rendoconto che il primo giorno d'autunno, afoso e grigio, è quasi finito.
 Io amo l'autunno, le sue atmosfere un po' brumose e un po' dorate, la tavolozza dai tanti toni di colore che la Natura sfoggia mentre si prepara al riposo.
Mi dà un senso di quiete, di calma, come se il tempo si dilatasse, benché i giorni diventino più brevi.
Come se l'oscurità che anticipa le ore serali  e ritarda la luce al mattino permettesse al pensiero di trovare più spazio per la riflessione, rallentando il ritmo delle cose a favore di pause colme di sensazioni, di frammenti tanto più misteriosi, quanto meno concreti, che somigliano ai  sogni.
La stagione autunnale inizia oggi, ma, per la precessione degli equinozi, l'equinozio d'autunno cade il 23 settembre.
La forma non perfettamente sferica della Terra, le forze gravitazionali della Luna e del Sole determinano il cambiamento lento ma continuo dell'orientamento dell'asse di rotazione  della Terra rispetto alla sfera ideale delle stelle fisse.
Questa legge dell'astronomia, per la mia scarsa conoscenza delle cose della sfera celeste, è sempre stata difficile, per me, da comprendere e proprio per questo mi ha sempre attratto.
L'Universo, lo spazio infinito, il moto degli astri, mi riempiono di ammirata meraviglia, ricordando  il famoso aforisma di Kant ed epitaffio della sua tomba:
 "Due cose riempiono il mio animo di meraviglia:
 il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me"
 Il moto di precessione può essere spiegato facendo l'esempio della trottola che gira su sé stessa stando perfettamente in verticale.
Che questa nostra Terra fosse un po' come una  trottola, nella mia abissale ignoranza, a dire la verità , mi era sempre parso, vedete che qualcosa di vero c'era?

26 commenti:

  1. Ciao Marilena,ho impiegato anni ad amare l'inverno e c'è voluto tanto allenamente a non farmi sopraffare dalla malinconia che mi prende ina autunno.Col tempo sono due stagioni che sono diventante anche per me belle.Ma quest'anno per una ragione o per un'altra; qui al nord è stata un' estate mutevole,sembrava che l'autunno non fosse mai andato via,l' estate mi sia sfuggita, accolgo questo cambiamento stagionale con un po' d'ansia...ma passerà appena tutti i suoi colori bellissimi sbocceranno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carolina,
      dai tramonti incredibili alla livrea del bosco, niente come l'autunno dà il senso della vita e del trascorrere del tempo attraverso i colori
      Lo percepiscono anche i bambini e lo esprimono con disarmante semplicità:-)

      Elimina
  2. Anche noi esseri umani con tutto questo non rispetto della natura e inquinamento abbiamo contribuito alla bussola impazzita di Madre Terra :-(
    Mi è piaciuta moltissimo la tua riflessione e anche la frase di Kant che hai scelto e non so se te l'ho detto, ma l'autunno è la mia stagione preferita :-)
    Un grande abbraccio
    Mel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, Melinda, dicendo che l'opera incompetente o talvolta fraudolenta dell'uomo ha compromesso alcuni equilibri naturali. e poi si piange disgrazia!
      Kant, grandissimo uomo del pensiero, rende con poche semplici parole il concetto più profondo dell'essenza umana nel contesto dell'Universo.
      Condivido la preferenza per la stagione autunnale, non la trovo triste, ma dolcemente malinconica e bella nei colori, negli odori...

      Elimina
  3. Ciao Marilena,
    ho visto al tg quello che è accaduto un Toscana, una vera catastrofe spaventosa. Davvero da paura!! Comunque è vero è stato un anno bizzarro con delle stagioni ballerine e strane. il tempo e il mondo sono cambiati.
    buon inizio settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui, tutto sommato, è andata meglio che altrove, anche se i danni e la paura ci sono stati.
      Non ricordo un'estate così insignificante, deludente e per molti disastrosa economicamente, che in questo periodo è davvero pesante:)

      Elimina
  4. Marilena, anche io amo l'autunno e i suoi colori. La prima parte dell'autunno, poi, è una continuazione dell'estate: spero sia calda, quest'anno, perché voglio fare picnic e passeggiate.
    La seconda parte, più fredda e umida, l'apprezzo per il calore che ti viene dagli amici. Una cena, un caminetto, una cioccolata calda ed è tutto ok^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per ora il caldo, anche se afoso, sembra che voglia accontentarti, caro Mozzellino, datti daffare.
      Poi ci chiuderemo in casa a gozzovigliare, come no!!

      Elimina
  5. ma guarda qui è sempre una primavera, sole, pioggia, caldo , freddino, oggi abbiamo pranzato fuori in giardino, per dire....boh...tempo pazzerello....
    ti ringrazio per essere passata x la foto sfida, spero tu abbia trascorso un sereno fine settimana. a presto ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi il tempo è migliorato anche da noi, ma non ceniamo più in terrazza da tempo. Il caldo tropicale ha fatto fiorire gli echinopsis, meraviglie per un giorno:-)

      Elimina
  6. Ciao Marilena, davvero spaventoso quello che è accaduto in Toscana...la ciliegina sulla torta di un'estate che è stata sotto tanti punti di vista una tragedia.
    Ci avviamo verso le brume autunnali e io, onestamente, ne sono contenta...amo l'autunni, la sua luce, i suoi colori, le sue ombre...mi sembra che tutte le cose riprendano il loro giusto valore.
    Un grande abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La giornata del 19 è stata davvero da incubo, l'estate in generale scialba e deludente, disastrosa per gli operatori legati a tutti i livelli al turismo.
      Anch'io sono tra coloro che apprezzano l'autunno e lo vivono come il tempo privilegiato dell'intimità domestica e del cambiamento della Natura verso il riposo invernale, che ci offre calori, odori, frutti meravigliosi e atmosfere suggestive:-)

      Elimina
  7. I fenomeni sono sempre più violenti e temo nuovi disastri.
    Saluti a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti la violenza del maltempo ultimamente ha assunto caratteristiche rare rispeto al passato, a fronte di un'estate atipica...non pervenuta, come certe temperatura dei bollettini metereologici di una volta alla radio...

      Elimina
  8. Ho letto le notizie della Toscana e di questo passo con il clima atmosferico impazzito temo che ci saranno altri manifestazioni violente. Quest'anno ho trascorso per a prima volta la mia prima primavera ed estate al centro e l'estate si è sentita molto. Anche in questo momento sta facendo molto caldo e sono le ore 01.18. Ma quando sento gli amici del nord del mio paesello mi dicono che già l'autunno è molto inoltrato. Io amo l'autunno delle mie valli perche come lo descrivi eccellentemente tu è come una tavolozza dai tanti toni di colore che la Natura sfoggia mentre si prepara al riposo. Ma voglio scoprire come sarà, qui a Roma, il colore dell'autunno, in ogni luogo è diverso. Staremo a vedere.
    Un buon autunno a te Marilena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CiaoCarla,
      Roma d'autunno deve essere eccezionale, dalla provincia se ne subisce un po' il mito.
      L'autunno non si finisce mai di ammirare, come tu dici, in ogni luogo ha un colore diverso:-)

      Elimina
  9. In realtà il primo giorno d'autunno è oggi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti la data del 21 come inizio delle stagioni è una data convenzionale. L'equinozio è oggi, le leggi celesti, come scrivo nel post, suscitano meraviglia, specialmente per chi, come me, non possiede che elementari nozioni di astronomia.
      Ignoranza, ahimè, ma resta il fascino!
      :-)

      Elimina
  10. Anch'io amo molto l'autunno: i colori, le luci, le malinconie...
    Sono contenta quando l'estate cede il passo alla stagione autunnale, quest'anno in particolare che sono andata in pensione e potrò godermi qualche passeggiata all'aria aperta.

    Buon autunno allora, cara Marilena! ❤ E speriamo non combini troppi guai, meteorologicamente parlando.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lella cara ti capisco: il primo autunno da pensionate è elettrizzante, ma anche dopo la libertà ritrovata, per quanto si sia amato il proprio lavoro, è una condizione privilegiata.
      Di auguro di fruirla secondo i tuoi desideri e i tuoi progetti:-)

      Elimina
  11. Buon Autunno! da noi è iniziato con un preludio di fulmini ed acqua, ma ci ha riservato la gran sorpresa al mattino del sorgere del sole in un cielo di un incredibile azzurro ed un freddo cane!!!
    Meno male che la temperatura è salita man mano con il Sole e speriamo che duri un paio di giorni... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fresco dell'aria mattutina ha sostituito anche qui l'afa seguita al maltempo memorabile dei giorni passati. Una limpidezza inconsueta e poi luna giornata di confortevole tepore autunnale, con quel tono caldo della luce pomeridiana giornata.
      Buon autunno anche a te, Renata:-)

      Elimina
  12. cara Marilena
    nel tuo post vi è la "comune" consapevolezza che : "l'uomo" ha provocato la rottura degli equilibri naturali. Le avvisaglie si coglievano da tempo così come l'ingorda cecità degli operatori dell'economia mondiale che imperterriti hanno continuato ad operare per il DIODENARO..e noi normali, insignificanti esseri umani subiamo le conseguenze...guerre scoppiano tra nazioni come punti focali di una scacchiera le cui pedine sono mosse dai sacerdoti dello stesso dio, la natura assoggettata da veleni , sopravvive manifestando la confusione del malessere. L'Estate anomala, in una regione piovono le mele, seguite da devastanti bombe d'acqua in quella confinante caldo e afa mai vissuti, in un'altra ancora, mitragliata di grandine. Noi, in provincia di Sassari facciamo la danza della pioggia che ci liberi dal caldo torrido che non c'è dopo qualche chilometro di distanza dove è autunno ma anche inverno. Una bella ammucchiata di follie. Forse apparirò negativamente tragica.. spero d'aver esagerato io..tvb un abbraccio mietta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mietta cara,
      il tuo pessimismo purtroppo è confermato dai fatti e dalla sconfortante riflessione sulle molte cause dolose. Troppo comodo e mendace attribiure tutta la colpa alla Natura.
      Oltre ai danni all'ambiente, gl'inquilini della Terra si danno da fare per mettere in atto ogni tipo di devastazione, materiale e morale.
      Finisco qui perché sto diventando più pessimista di te.
      Ricambio abbraccio e tvb:))

      Elimina
  13. Ciao! Ho scoperto il tuo blog e mi piace molto.
    Penso che passerò spesso a trovarti.

    RispondiElimina
  14. Mi fa molto piacere, contraccambierò volentieri le visite da te:-)

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento:
se capiti qui per caso,
se ogni tanto vieni a trovarmi,
se la curiosità ti accompagna in giro per la rete,
anche un semplice saluto è sempre gradito.
Fata C

comunicazione

I contenuti presenti su questo e gli altri blog dei quali sono titolare sono pubblicati con licenza Creative Commons 3.0 Italia.
Se condivisi devono essere rispettati i seguenti diritti:
- attribuzione: deve essere citato il nome dell'autrice
- non è consentito l'uso per fini commerciali
- non sono permesse modifiche

Alcune immagini sono state prelevate dal Web.
Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare nello spazio commenti e saranno eliminate immediatamente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
Powered by Blogger.