google-site-verification: googlee3c30f8ac430801b.html
"Alla fine, noi conserveremo solo ciò che amiamo, ameremo solo ciò che comprendiamo, e comprendiamo solo ciò che ci viene insegnato."
Baba Dioum
Benvenuti a tutte le ore di tutti i giorni

gioco con invito

mercoledì 7 gennaio 2015

Da Ventotene all'Europa del futuro

Dopo un rinvio di circa una settimana, è andata in onda, in seconda serata, l'attesa  puntata di "Correva l'anno" dedicata a Altiero Spinelli e al Manifesto di Ventotene.


Ventotene,"l'isola degli uomini liberi"
Al mio annuncio dal fondo delle scale, mio figlio Michelangelo si è precipitato in soggiorno dallo studio praticamente volando sulle due rampe di gradini ed, insieme a noi, ha  assistito alla trasmissione con l'interesse e l'emozione di giovane e appassionato militante della Gioventù Federalista Europea, l'ala giovanile del Movimento Federalista Europeo, la cui azione  segue la linea tracciata dal Manifesto di Ventotene (1941).
Il programma, condotto da Paolo Mieli con la nota e profonda competenza e sobrietà, ci ha presentato una ricostruzione rigorosa e scevra da facili tentazioni retoriche, della vicenda politica e personale di Spinelli, Ernesto Rossi e  Eugenio Colorni, della prigionia e poi il  confino in quella piccola isola del Tirreno che in seguito al coatto isolamento degli antifascisti e di ciò che ne scaturì in forma di lotte e di ideali per il futuro dell'Europa, allora devastata dalla guerra e dai regimi totalitari, fu detta "l'isola degli uomini liberi".
Mi ricordo che quando Michelangelo fece ritorno dal seminario estivo che ogni anno riunisce a Ventotene i Giovani Federalisti  presso l'Istituto di Studi Federalisti Altiero Spinelli e mi mostrò gli scatti ripresi nei luoghi significativi del confino e dalla prigionia ( l'isolotto di S. Stefano)  di Sandro Pertini, Umberto Terracini e molti altri oppositori del regime.
Anche se si tratta di fatti e immagini note, presenti in tanti scritti, libri, testimonianze e documenti, avvertii una forte emozione per  quelle foto, che documentano l'esperienza di  ragazzi di oggi  che  ripercorrono quella pagina di storia, aderendo con passione e coerenza all'ideale dell'Europa unita.
Insieme alle foto e ai ricordi, arrivò anche un sacchetto di tela pieno di lenticchie, umile legume tipico della piccola isola carica di storia, dove nacque e si diffuse il seme per un'Europa migliore.

13 commenti:

  1. Ciao mia cara che bel post, molto interessante e condivido pienamente le tue emozioni, un abbraccio caloroso, mi unisco ai tuoi followers!
    Tanti baci ed un sorriso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Stella, per la tua presenza, le tue parole mi fanno molto piacere:-)

      Elimina
  2. Ciao Marilena, scusami se non sono più passata ma , forse l'avrai letto sul mio blog, ho avuto un grave lutto in famiglia e in realtà mi mancava la voglia di accendere il pc.
    Mi spiace di non aver visto questa trasmissione, è un argomento che mi interessa...tu ne hai parlato con grande emozione.
    Un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Antonella,
      non ero al corrente dell'accaduto e, anche se in ritardo, desidero esprimerti il mio dispiacere e la mia vicinanza in questo momento così doloroso.
      La discontinuità dei contatti è la causa di questo malinteso, che, date le circostanze, è certamente insignificante.
      Se avessi saputo non avrei di certo inviato gli auguri, come ho fatto sul tuo blog, dove, conoscendo la cura che gli dedichi, mi stupivo di una certa assenza di nuovi post: non potevo immaginare una causa così grave.
      Da qualche anno Michelangelo fa parte del Movimento ed è molto attivo e motivato, il post lo conferma.
      Ti abbraccio con affetto:)

      Elimina
  3. Ciao Marilena,
    eccomi qui. In questi mesi sono un po' lenta nel commentare, visitare, pubblicare e risponde ma il tempo è tiranno e non sempre riesco a far tutto.
    Mi spiace essermi persa questo programma, da come ne parli (soprattutto dall'enfasi di tuo figlio nel precipitarsi a guardarlo), sembra molto interessante. Ti auguro un buon fine settimana
    a presto
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti devi giustificare, Audrey, e ti ringrazio per il tuo pensiero.
      Mio figlio sostiene che del Federalismo Europeo se ne parla poco e se ne sa meno, per questo la sua reazione è stata così entusiasta , io che conosco la sua passione lo prevedevo!
      Buon fine settimana anche a te:-)

      Elimina
  4. Loro sognavano l'Europa dei popoli, invece adesso sembra una società finanziaria.
    Saluti a presto

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Il Movimenro e la sua ala giovanile porta avanti proprio quel sogno al quale accenni: auguriamoci che non resti un sogno schiacciato dalle leggi della finanza.
      Saluti,CODW !

      Elimina
  5. Benvenuta, Flavia, anche sullo Schiaccianoci, molte grazie per esserti unita ai lettori, a presto:-)

    RispondiElimina
  6. Ringrazio Annamaria, un caldo benvenuto tra i lettori dello Schiaccianoci:-)

    RispondiElimina
  7. Ciao, adesso capisco perché non mi arrivavano notifiche, non mi ero iscritta. Scusami. Ho letto volentieri ciò che hai scritto perché non ho visto la trasmissione, mi sa che mi sono persa anche i bei paesaggi dell'isoletta. Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti rammaricare, la tua iscrizione è anche nell'altro mio blog, Parole qua e là,e forse questo schiaccianoci ti era sfuggito. I miei blo sono tre, ci sono i banner anche nella sidebar per raggiungerli. Ti ringrazio ancora per la tua presenza.
      La trasmissione trattava un tema che, attraverso la militanza Ddi mio figlio, in famiglia sentiamo particolarmente:-)

      Elimina
  8. Saluto Laura, autrice del blog " Penna e calamaio di Laura ", e la ringrazio per essersi unita ai lettori dello Schiaccianoci:-)

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento:
se capiti qui per caso,
se ogni tanto vieni a trovarmi,
se la curiosità ti accompagna in giro per la rete,
anche un semplice saluto è sempre gradito.
Fata C

comunicazione

I contenuti presenti su questo e gli altri blog dei quali sono titolare sono pubblicati con licenza Creative Commons 3.0 Italia.
Se condivisi devono essere rispettati i seguenti diritti:
- attribuzione: deve essere citato il nome dell'autrice
- non è consentito l'uso per fini commerciali
- non sono permesse modifiche

Alcune immagini sono state prelevate dal Web.
Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare nello spazio commenti e saranno eliminate immediatamente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
Powered by Blogger.