google-site-verification: googlee3c30f8ac430801b.html
"Alla fine, noi conserveremo solo ciò che amiamo, ameremo solo ciò che comprendiamo, e comprendiamo solo ciò che ci viene insegnato."
Baba Dioum
Benvenuti a tutte le ore di tutti i giorni

gioco con invito

lunedì 26 gennaio 2015

In Memoria


Se cerchi di vedere
il colore della memoria,
i tuoi occhi si perdono
nel nero del fumo.
Se ascolti il suono della memoria
ti risponde il silenzio,
straziante più di qualunque grido.
Se custodisci la memoria  nel tuo cuore,
sai che il ricordo è destinato a morire con te,
se non trova la strada
della coscienza di ognuno,
adesso, domani, per sempre:

 per non dimenticare.

35 commenti:

  1. E' vero, cara Mariena la memoria tiene vivo il ricordo di chi non c'è più visibilmente vicino a noi.
    In questi giorni la nostra memoria va a tanta povera gente che ha subito e pagato in modo atroce la colpa di essere di una razza diversa. Sono comportamenti diabolici. Che Dio aiuti tante popolazioni che anche oggi subiscono violenze. Ciaoooo amica cara e grazie per la gradita visita. Bruna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido, cara Bruna, e aggiungo che l'intolleranza non era diretta solo alla razza, ma ad ogni tipo di diversità: di genere, di pensiero... una visione delirante:)

      Elimina
  2. La memoria dev'essere raccontata.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. S, carissimo Miki,
      ...ed è doloroso per chi racconta e per chi recepisce, ma è doveroso e necessario:)

      Elimina
  3. Condivido il tuo pensiero, il ricordo da solo non basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Fortunata,
      in realtà non ci si può isolare in una dimensione solo personale:)

      Elimina
  4. Risposte
    1. E' un dovere civile e umano al quale nessuno deve sottrarsi:)

      Elimina
  5. La verità va raccontata, gridata,i ricordi personali si conservano nel cuore ma la memoria collettiva deve essere alimentata dal contributo di tutti , troppo grande il rischio di rimozione o negazione dei fatti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dobbiamo essere consapevoli che il negazionismo sottende al ritorno di idee devastanti che se non contrastate diventano nuove azioni persecutorie, se ne hanno già esempi in atto.
      Benvenuta, Morgana, sullo schiaccianoci, la tua visita mi fa molto piacere:)

      Elimina
  6. Stupenda esposizione.

    Un abbraccio

    Emy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, Emy, il tuo parere mi fa molto piacere.
      Ricambio abbracci e saluti:)

      Elimina
  7. Custodire la memoria e trasmetterla a coloro che verranno è un compito gravoso ma vitale.
    Perchè non accada mai più un orrore simile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maris,
      quando cominciai, da ragazzina, a rendermi conto di quella terribile realtà, fu un momento doloroso ma fondamentale della mia vita.
      I giovani devono sapere la verità, adegatamente preparati e informati nel modo giusto:)

      Elimina
  8. Ciao Marilena,
    credo che la memoria di certi eventi sia importantissima e penso fortemente che si dovrebbe ricordare sempre per evitare che certi errori si ripetano.
    un abbraccio e buon inizio settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo, cara Audrey,
      gli uomini imparano dalla propria storia, anche se poi sbagliano di nuovo, basta costatare la realtà di oggi.
      Tuttavia niente giustifica il silenzio sul passato, la consapevolezza mette in grado ogni persona di compiere scelte e azioni responsabili :)

      Elimina
  9. Ciao Marilena,brava, mai come ora reputo che sia importante ricordare gli orrori passati. Buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna Maria,
      viviamo in uno scenario pieno di conflitti e povero di valori; la conoscenza del passato è indispensabile alla formazione della coscienzea collettiva e individuale, per il bene di tutti:)

      Elimina
  10. Ricordare e raccontare, di generazione in generazione, per non dimenticare e non ricadere negli stessi errori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carisima Effe,
      per quanto dolorosa non c'è che la via dell testimonianza per tramandare gli eventi in modo veritiero e inconfutabile e nonostante ciò c'è chi si macchia dell'orrenda menzogna negazionista:)

      Elimina
  11. Solo mantenerdola viva la memoria diventa strumento nelle nostre mani perchè si possa dire "mai più". Buona giornata Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefy,
      la memoria, oltre al doveroso e doloroso ricordo per le vittime, produce conoscenza e consapevolezza, che sono alla base delle scelte e delle azioni personali e collettive per il futuro, ne costituiscono, come tu dici, lo strumento essenziale.
      Benvenuta sullo schiaccianoci:)

      Elimina
  12. E' un passaparola da uomo ad ogni uomo,solo così non si potranno dimenticare quegli orrori!
    i tuoi versi sono bellissimi!
    Un abbraccio.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Daniela, per il tuo apprezzamento, ho cercato di esprimere il mio pensiero in modo sincero esemplice.
      ...un passaparoa doloroso e lacerante, scioccante per la sua crudezza, ma proprio per questo ineludibile e doveroso da parte di chi sa verso chi ignora, perché la trageda passata sia scongiurata per sempre nella vita futura:)

      Elimina
  13. Molto bello ! La memoria va mantenuta viva perchè fatti simili non si ripetano.
    Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mirtillo,
      se non ci fosse questa intenzione, il ricordo di quegli eventi orrendi non sarebbe che sterile formalità.

      Elimina
  14. Mi unisco al post e ricordo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pia,
      la tua presenza si unisce al mio pensiero

      Elimina
  15. Marilena hai ragione, è giusto ricordare il fatto avvenuto, le persone che non ce l'hanno fatta e le persone che sono riuscite a fuggire dopo l'apertura dei cancelli. Ce n'erano alla commemorazione con il nostro sindaco questa mattina davanti alla chiesa del mio quartiere, c'erano anche molti parenti di persone che non ce l'hanno fatta. Sentire il silenzio alternato a canti commemorativi era davvero difficile da sopportare. MA E' GIUSTO RICORDARE, sono pienamente d'accordo con te
    Buona serata
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sofferenza e l'orrore che quelle testimonianze suscitano in noi sono il prezzo della verità che deve essere conservata e trasmessa e sono niente al confronto di chi le ha subite.
      Benvenuta, Francesca, sullo schiacccianoci:)

      Elimina
  16. l'orrore e la sofferenza di quei giorni vanno ricordati e insegnati hai nostri figli, solo così si potranno ricordare per sempre
    anche se temo che l'orrore sia ancora presente hai giorni nostri, in altre forme, in altri luoghi ma con la stessa crudeltà
    ciao valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo è così, i fatti attuali parlano chiaro.
      La lezione della Storia non vale a migliorare l'umanità, ce ne rendiamo conto giorno per giorno.
      Tuttavia il dovere della testimonianza e della divulgazione vale per tutti, altrimenti sarebbe una rinuncia colpevole e rischiosa, certi ritorni di ideologie estremiste lo confermano.
      Ciao Valeria-)

      Elimina
  17. Il problema è che si dimentica e che si dimenticano quelli che subiscono vessazioni, anche oggi, ogni giorno, torture fino alla morte. La memoria è sempre troppo corta e il cuore è spesso un optional per molti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sonia,
      in effetti la realtà attuale è un coacervo di efferratezze e di crudeltà, senza il minimo sentimento umano, tutto è asservito al potere e al profitto:)

      Elimina
  18. Mai dimenticare gli orrori di ieri e di oggi ...

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento:
se capiti qui per caso,
se ogni tanto vieni a trovarmi,
se la curiosità ti accompagna in giro per la rete,
anche un semplice saluto è sempre gradito.
Fata C

comunicazione

I contenuti presenti su questo e gli altri blog dei quali sono titolare sono pubblicati con licenza Creative Commons 3.0 Italia.
Se condivisi devono essere rispettati i seguenti diritti:
- attribuzione: deve essere citato il nome dell'autrice
- non è consentito l'uso per fini commerciali
- non sono permesse modifiche

Alcune immagini sono state prelevate dal Web.
Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare nello spazio commenti e saranno eliminate immediatamente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
Powered by Blogger.