google-site-verification: googlee3c30f8ac430801b.html
"Alla fine, noi conserveremo solo ciò che amiamo, ameremo solo ciò che comprendiamo, e comprendiamo solo ciò che ci viene insegnato."
Baba Dioum
Benvenuti a tutte le ore di tutti i giorni

gioco con invito

venerdì 16 gennaio 2015

le quattro stagioni di Beniamino: STORIA D'INVERNO


Beniamino si calcò ancora di più il cappello di lana azzurra sugli orecchi: l'aria gelida del  pomeriggio gli pungeva il viso, ma non si decideva a rientrare.
Giocare con la neve non capitava spesso da quelle parti e non voleva rinunciare all'ultima ora di luce, anche se quasi tutti gli altri bambini erano rincasati, abbandonando al loro destino notturno i pupazzi che avevano modellato.
Beniamino staccò lo sguardo dalla sua creatura : gli altri omini di neve erano decisamente più grandi, con cappelli e sciarpe vere e vere scope infilate a spazzola in su e nella penombra che avanzava avevano davvero qualcosa di umano, con quelle sagome rotondeggianti, come   se fossero stati avvolti in mantelli fuori misura.
 Il suo pupazzo, al contrario, era davvero piccolo...

12 commenti:

  1. Letta tutta... Bellissima, delicata, anche commovente!
    E poi... ci sono tante buone cose da mangiare: un valore aggiunto! ;)
    Brava!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...menomale che il Muggine è già stato cucinato dalla mamma di Beniamino, non gode di molti favori da parte dei miei ragazzi...Prenotiamoci per la Torta Gelato:D

      Elimina
  2. Ringrazio vivamente Flavio, autore del blog "CLARKE È VIVO!" per l'adesione ai lettori dello schiaccianoci; benvenuto, a presto:-)

    RispondiElimina
  3. Marilena cara, peccato che i miei nipoti siano troppo grandi per ascoltare le favole, altrimenti racconterei loro questa "storia d'inverno" che è simpatica e bella.
    Ti auguro tante belle cose che desideri. Bruna. ciaooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Bruna,
      ho scritto le Quattro stagioni di Beniamino dopo aver lasciato la scuola dell'infanzia ed anch'io, non avendo nipoti, non so a chi raccontarle e allora le scrivo qui!
      :))

      Elimina
  4. Ciao Fata, bella questa storia. Hai molta fantasia e questo mi piace. Brava!!

    Emy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Emy,
      la fantasia risveglia la dimensione giocosa che dorme dentro a oguno di noi:-)

      Elimina
  5. Risposte
    1. Mi fa molto piacere, Evelin, che Beniamino e il suo Gennarino ti abbiano divertito: una storiellina per bambini, ma anche per chi desidera sorridere con me:)

      Elimina
  6. Ecco fatto ! Credo di essere riuscita ad iscrivermi al tuo blog ! Ho un pò di difficoltà in queste cose perchè non me ne intendo tanto. Un saluto

    RispondiElimina
  7. Non so bene perchè da una parte ho l'avatar vecchio (figura con cappello) e dall'altra , nei commenti quello nuovo (la mia faccia trasformata in pupazzetto con scritto "Hello" ) ma son sempre io. ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Misteri e capricci di Blogger!
      Comunque grazie infinite, mi ha fatto molto piacere averti "ufficialmente" tra i lettori...perché in effetti lo eri già!
      A presto:)

      Elimina

Grazie per il tuo commento:
se capiti qui per caso,
se ogni tanto vieni a trovarmi,
se la curiosità ti accompagna in giro per la rete,
anche un semplice saluto è sempre gradito.
Fata C

comunicazione

I contenuti presenti su questo e gli altri blog dei quali sono titolare sono pubblicati con licenza Creative Commons 3.0 Italia.
Se condivisi devono essere rispettati i seguenti diritti:
- attribuzione: deve essere citato il nome dell'autrice
- non è consentito l'uso per fini commerciali
- non sono permesse modifiche

Alcune immagini sono state prelevate dal Web.
Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare nello spazio commenti e saranno eliminate immediatamente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
Powered by Blogger.