google-site-verification: googlee3c30f8ac430801b.html
"Alla fine, noi conserveremo solo ciò che amiamo, ameremo solo ciò che comprendiamo, e comprendiamo solo ciò che ci viene insegnato."
Baba Dioum
Benvenuti a tutte le ore di tutti i giorni

gioco con invito

giovedì 5 febbraio 2015

Seconda giornata nazionale contro lo spreco alimentare


UNA GIORNATA per riflettere sui nostri comportamenti
 e cercare di modificarli. 
Non solo per risparmiare nel quotidiano 
ma anche per salvaguardare il nostro pianeta.





http://www.repubblica.it/ambiente/2015/02/05/news/giornata_nazionale_contro_lo_spreco_alimentare-106534126/?ref=HREC1-11#gallery-
 slider=106544146





        un twitt
 di Papa Francesco 
25 ottobre 2013



          
"La cultura dello scarto 
produce molti frutti amari,
 dallo spreco di alimenti 
all'isolamento di tanti anziani"

18 commenti:

  1. Ciao fata Marilena, noi tutti dovremmo fare molto di più per il nostro pianeta e per tutti gli abitanti. E' brutto vedere gente che cerca da mangiare nei cassonetti e gente che spreca come non che. Cambiare le proprie abitudini si può, basta avere volontà...

    Emy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente di più umiliante per chi si trova nel bisogno, ma anche avvilente per una società che permette queste vergogna, soprattutto perché si potrebbe evitare con una adeguata organizzazione e sensibilizzazione su aspetti quotidiani per i quali dovrebbe bastare da solo il buon senso comune:-)

      Elimina
  2. E pensare che se c'è una cosa che si può recuperare con fantasia è il cibo. Torte dolci o salate, timballi.....
    Bruttissima abitudine, odiosa abitudine quella di buttare il cibo nel cassonetto.
    Al limite si porta al canile.

    Per gli anziani bisognosi si potrebbe fare una cosa, eventualmente. Andando a fare la spesa si potrebbe comperare e far mettere da parte (tipo banco alimentare) qualche cibo che può essere conservato per un po' e che poi viene riitirato dalle varie associazioni di volontariato che aiutano i bisognosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, Pat, si possono fare dei veri capolavori gastronomici con gli "avanzi", a vantaggio del palato, della salute e dell'economia.
      Lo spreco è immorale, segno di ottusità e mancanza di rispetto.
      Da noi le iniziative che accenni sono attuate continuamente, sono entrate nel costume dei consumatori, merito soprattutto delle associazioni:)

      Elimina
  3. Ogni giorno cerco sempre di stare molto attento.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'attenzione meritevole, caro Miki,
      lo so che non sono i ragazzi che gestiscono la dispensa, semmai la svuotano , ma l'abitudine a non sprecare deve far parte del comportamento di tutti, sempre!

      Elimina
  4. Cara Marilena, scusami ma per il post del 17 febbraio non posso collaborare. Comunque se ti va potrai condividere il disegno che pubblicherò per l'occasione. Grazie e miao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimi Denis e Pepè,
      grazie lo stesso per la sollecita e gentile risposta.
      Condividerò con piacere il disegno programmato per l'occasione.
      Saluti e miao anch'io:-)

      Elimina
  5. Onorare il cibo è una cosa che si impara fin da piccoli: dobbiamo educare i nostri figli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido pienamente, Fortunata, che l'educazione a scuola e in famiglia deve essere precoce e continua: anche nelle scuole si vedono cose che voi umani...sia da parte degli insegnanti che delle famiglie, la minoranza, per fortuna:)

      Elimina
  6. E' un tema che dovremmo avere tutti molto a cuore proprio per rispetto verso coloro che fanno fatica a tirare avanti.
    Condivido che il cibo va onorato e fin da piccini bisognerebbe insegnarne il rispetto
    Mia nonna, poi mia madre hanno insegnato a noi figli che "non si butta via niente" e così la fantasia in cucina può volare.
    Quanto è triste assistere a tanto spreco di cibo in quelle famose trasmissioni televisive dove il cibo fresco viene buttato letteralmente in pattumiera o irrispettosamente scaraventato in aria. Non lo condivido ed è un pessimo insegnamento.
    Ciao cara Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti confesso che qualche volta durante gli anni di scuola ho faticato a trattenermi per comportamenti diseducativi da parte delle famiglie, che hanno stimolato la realizzazione di percorsi e progetti ai quali i bambini partecipavano molto volentieri ed è da loro che si deve cominciare.
      La società povera di un tempo, che già noi non abbiamo per fortuna conosciuto, ,aveva lasciato in eredità il rispetto che nell'ottusa opulenza si è perduto e talvolta i media, come dici tu, aggravano la situazione:(
      Un caro saluto a te!

      Elimina
  7. Credo che un tempo ci fosse molta più attenzione allo spreco. Adesso non sono molto certa che avvenga nella stessa misura ... quindi ben vengano queste giornate ... il consumismo e il maggior benessere hanno portato un radicale cambiamento ..eppure in maniera diversa, si trovano ancora persone bisognose ..soprattutto tra gli anziani, come ha fatto osservare Papa Francesco. Ricordiamoci un po' più spesso di loro. Buon pomeriggio a te, Stefania :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spreco del cibo, in un mondo dove la fame in alcune vaste zone è ancora un nemico mortale per troppi esseri umani, ha qualcosa di sacrilego oltre ad essere il più stupido e indegno dei gesti. Tanto più che si potrebbe in gran parte rimediare, con la buona volontà e abitudini corrette:)

      Elimina
  8. se esiste una cosa che mi fa arrabbiare è lo spreco del cibo. Non lo sopporto non solo perchè è uno spreco di denaro ma sopratutto perchè, a questo mondo, esiste tanta gente che non può mangiare e noi non possiamo buttare il cibo senza avere rispetto per chi ne ha bisogno.
    Buon fine settimana ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti, Audrey, i reati non sono solo quelli codificati dslla legge, ma anche i comportamenti lesivi della dignità , atti volontari di negligenza e di omissione che danneggiano gli altri.
      Buon fine settimana anche a te:)

      Elimina
    2. Ciao fanciulle.
      Concordo con Audrey. Che rabbia vedere cibo sprecato!
      Sarà che ho una certa età, sarà che mia nonna mia aveva insegnato a rispettare il cibo perchè "n tempo di guerra avessimo avjuto qualcosa da mettere sotto i denti invece che masticavamo l'aria", sarà che comunque soldi non ce n'erano molti, il cibo a casa nostra non si getta mai.
      Purtroppo, per Natale e le feste se ne vede sempre tanto nella munnezza. Ci butterei chi lo ha gettato in certi momenti!
      Gettare il cibo è un peccato contro l'uomo.
      Poi, ricordiamo sempre una cosa. Anche chi oggi ne ha in abbondanza non è sicuro di averlo domani!

      Elimina
    3. Molte ricette della tradizione familiare provengono dall'utilizzo creativo e fantasioso di rimanenze di cibi cucinati.
      Anche l'ispezione di frigo e dispensa evita tanto spreco...come se fossero beni piovuti dal cielo!
      Ma quello che è più grave moralmente è l'indifferenza verso i bisogni di molti indigenti, oltre all'esempio diseducativo che si da ai più giovani.
      Grazie, Pat, per la tua riflessione:)

      Elimina

Grazie per il tuo commento:
se capiti qui per caso,
se ogni tanto vieni a trovarmi,
se la curiosità ti accompagna in giro per la rete,
anche un semplice saluto è sempre gradito.
Fata C

comunicazione

I contenuti presenti su questo e gli altri blog dei quali sono titolare sono pubblicati con licenza Creative Commons 3.0 Italia.
Se condivisi devono essere rispettati i seguenti diritti:
- attribuzione: deve essere citato il nome dell'autrice
- non è consentito l'uso per fini commerciali
- non sono permesse modifiche

Alcune immagini sono state prelevate dal Web.
Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare nello spazio commenti e saranno eliminate immediatamente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
Powered by Blogger.