google-site-verification: googlee3c30f8ac430801b.html
"Alla fine, noi conserveremo solo ciò che amiamo, ameremo solo ciò che comprendiamo, e comprendiamo solo ciò che ci viene insegnato."
Baba Dioum
Benvenuti a tutte le ore di tutti i giorni

gioco con invito

lunedì 25 maggio 2015

"Piave" : strumentalizzazione e stravolgimento



L'ultima, per adesso, grossolana barbarie l'abbiamo dovuta sentire in occasione del centenario dell'entrata in guerra dell'Italia nel Primo Conflitto Mondiale
La data storica del 24 Maggio, immortalata in uno degli inni patriottici più amati ed emblematici, è stata stravolta ed offesa nei valori e nella realtà storica che rappresenta con l'uso strumentale e fazioso di uno dei suoi versi più significativi:
"Non passa lo straniero"
Laddove queste parole significano la ferma volontà, pagata col sacrificio di tante vite, di fermare l'avanzare  dell'esercito nemico sul suolo italiano, l'ottusità leghista ha voluto sostituire l'espressione del proprio modo razzista e sub-umano di intendere e gestire il dramma dell' immigrazione clandestina, sia di natura economica e, scenario ancora più tragico, di quella politica, che ha alle spalle guerre civili e militari di inaudita violenza.
Dalla rubrica "In mezzora" ai notiziari televisivi e on line, si è diffuso il messaggio stravolto e stravolgente, ingoiato e triturato dalla macchina multimediale dell'nformazione, anche perché è provato che ci si abitua pericolosamente a tutto, fino all'appiattimento di ogni reazione e all'annullamento di ogni indignazione.
E questo è un pericolo reale, che ha sempre favorito l'avanzare delle idee più estremiste e facinorose, fino alla loro disastrosa affermazioni in termini di consenso e di  potere, fuori dalla logica democratica.
Il "Piave" non può dare la sponda, in termini né figurati né reali, al rafforzarsi di questa visione aberrante e dei rapporti umani che nega e contraddice i valori etici, morali e umanitari, di provenienza sia laica che cristiana, che sono alla base della convivenza civile e rappresentano una conquista dell'
Umanità, dove non esiste nessuno Straniero.

8 commenti:

  1. Non è la prima volta che un messaggio viene stravolto.
    Ricordate la Festa della Liberazione del 2009, con Silvio a L'Aquila a farsi propaganda dicendo che era la Festa della Libertà (!!)?

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Mi ricordo, Miki, condivido pienamente il tuo confronto!
    Fu uno squallido e tendenzioso affronto all'identità nazionale e alla realtà storica dalla quale essa deriva.

    RispondiElimina
  3. non ho parole....ti lascio solo un salutino....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fiore,
      un saluto sempre gradito e affettuosamente ricambiato:))
      Quanto a certi slogan devianti, non abbassiamo la guardia!!

      Elimina
  4. io sinceramente non sopporto la lega e Salvini non posso vederlo nemmeno in fotografia. Se fosse per me non farei passare lui qui...
    buon inizio settimana a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Audrey,
      l'opposizione che s. ha trovato in molte città, da lui struemtalizzata in senso vittimistico, la dice lunga sul rifiuto di molti per la sua inammissibile linea politica.
      Buaona settimana anche a te:))

      Elimina
  5. Cara amica,ogni paese ha i suoi Miti politici,avevamo Berlusconi e oggi abbiamo Salvini,grazie agli italioti che li votano.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fulvio,
      la tua riflessione è sconsolante, ma purtroppo è vera, alla luce degli avvenimenti degli ultimi vent'anni, e la tendenza non accenna a diminuire, anzi!

      Elimina

Grazie per il tuo commento:
se capiti qui per caso,
se ogni tanto vieni a trovarmi,
se la curiosità ti accompagna in giro per la rete,
anche un semplice saluto è sempre gradito.
Fata C

comunicazione

I contenuti presenti su questo e gli altri blog dei quali sono titolare sono pubblicati con licenza Creative Commons 3.0 Italia.
Se condivisi devono essere rispettati i seguenti diritti:
- attribuzione: deve essere citato il nome dell'autrice
- non è consentito l'uso per fini commerciali
- non sono permesse modifiche

Alcune immagini sono state prelevate dal Web.
Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare nello spazio commenti e saranno eliminate immediatamente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
Powered by Blogger.