google-site-verification: googlee3c30f8ac430801b.html
"Alla fine, noi conserveremo solo ciò che amiamo, ameremo solo ciò che comprendiamo, e comprendiamo solo ciò che ci viene insegnato."
Baba Dioum
Benvenuti a tutte le ore di tutti i giorni

gioco con invito

venerdì 12 giugno 2015

Dietro a una fragola

La fragola è un frutto che evoca i  colori e i profumi della primavera, la sensualità di una donna, il sorriso di un bambino: tutte immagini di vita e di armonia con la Natura.
Purtroppo la realtà che esiste dietro la coltivazione e la lavorazione di questi frutti ci rimanda un quadro totalmente diverso da quello descritto, fino ad assumere i toni drammatici e addirittura tragici, identificabili in parole che  mai dovrebbero essere associate a nessun essere umano.
La stagione delle fragole è quasi finita, ma il sistema criminale, come un mostro che divora diritti e dignità, fino ad appropriarsi anche della vita stessa dei lavoratori che cadono sotto il suo potere,  è attivo per altre colture e prodotti, una spirale disumana e  spietata di abuso e prevaricazione.  

Sono italiane le nuove schiave dei campi

 Lettera a Renzi contro il caporalato in agricoltura. Scrivono le ong di Danimarca e Norvegia

20 commenti:

  1. Ciao Marilena,
    che peccato che un frutto così buono e che evoca tante i profumi e la primavera sia legato a una cosa così brutta. Io adoro le fragole, quando le gusto ritorno alla mia infanzia e ricordo con grande affetto quando con mio padre andavamo da un suo amico contadino a comprare i cestini bianchi strapieni di questo gustoso frutto. Per me la fragola è un ricordo stupendo!
    Un abbraccio

    Emy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando ciò che abbiamo amato e che vive nei nostri ricordi più cari viene associato ad una realtà negativa, l'amarezza è veramente grande.
      Ciao Emy:))

      Elimina
  2. ciao cara, il link mi rimanda ad una pagina de 'il sole 24 ore'....dov'è la lettera?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho verificato e corretto il link.
      Grazie Fiore per la segnalazione:-)

      Elimina
    2. mi fa piacere che ti sia piaciuta l infiorata! :-) grazie x il tuo gradito commento.

      p.s.. ora vado a vedere il link e leggo....

      Elimina
    3. questa piaga del lavoro /sfruttamento indegno x un paese cosidetto civile è sotto gli occhi di tutti e specie nel sud ed isole, ho visto un servizio in tv ove chi raccoglieva i limoni veniva pagato 15 euro x una giornata intera di lavoro, una cosa oscena, ma le cose si sanno e si va lo stesso avanti cosi sfruttando la povera gente (che poi la maggior parte erano i migranti, ma cmq c erano anche degli italiani ) la schiavitu esiste ancora.

      Elimina
  3. Puverella chesta fravulella. Adda passà pe' malamenta quanno invece è accussì bbona.

    (Poverina questa fragolina. Viene tacciata per essere portatrice di bassezze ed empietà quando invece è così buona - saporita) ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un commento verace in dialetto che esprime con simpatica ironia la dura realtà!
      Benvenuto Salicchiella Vesuviano tra i lettori dello Schiaccianoci:-)

      Elimina
  4. Tutto ha un suo rovescio particolarmente brutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pat,
      una situazione indegna di un Paese civile, non possono non esserci complicità e connivenze.

      Elimina
  5. Non lo sapevo e non lo avrei mai immaginato ! Mi spiace sinceramente che dietro alla raccolta delle fragole ci sia tutto questo . Penso a tutte le fragole con la panna che ho mangiato in questa primavera, quasi da vergognarsi.
    Hai fatto bene a portare a conoscenza di questo triste fenomeno.
    Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Mirtillo,
      non siamo certo noi consumatori a doverci sentire in colpa, ma prendere coscienza di ciò che accade è doveroso e può contribuire a cambiare le cose, lo speriamo tuttii!

      Elimina
  6. Purtroppo non solo per le fragole...
    Cao Fata Confetto,ho rcevuto la tua emal,settmana scorsa è stata mcdale e non ho trovato un minuto per rsponderti.
    Spero di vederci presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carolina,
      purtroppo il male è anche dove non te lo aspetti, più subdolo che mai.
      Quando vuoi, fammi sapere:)

      Elimina
  7. Pure questa ci mancava. Ogni giorni si scopre un pezzetto di marcio in piu'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tina,
      la consapevolezza e la divulgazione e la denuncia sono i primi passi se non per la soluzione, almeno per qualche miglioramento:))

      Elimina
  8. Purtroppo questo accade spesso in agricoltura.
    Dalle mie parte non ti dico cos'è successo con le ciliegie quest'anno...
    buona domenica a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Audrey,
      dietro alle cose che la Natura ci dona grazie al lavoro dell'uomo, queste brutture suonano ancora più blasfeme.

      Elimina
  9. Diffondo su twitter il tuo post mi sembra troppo importante almeno parlarne. Non possiamo cambiare noi le cose ma abbiamo il dovere di urlare che non va bene.

    Ciao
    Flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto il link a questopost sulla HP di Twitter e ti ringrazio vivamente. E' importante portare l'attenzione sui problemi e suscitare l'interesse dell'opinione pubblica.
      Se tutto tace il consenso è implicitamente complice

      Elimina

Grazie per il tuo commento:
se capiti qui per caso,
se ogni tanto vieni a trovarmi,
se la curiosità ti accompagna in giro per la rete,
anche un semplice saluto è sempre gradito.
Fata C

comunicazione

I contenuti presenti su questo e gli altri blog dei quali sono titolare sono pubblicati con licenza Creative Commons 3.0 Italia.
Se condivisi devono essere rispettati i seguenti diritti:
- attribuzione: deve essere citato il nome dell'autrice
- non è consentito l'uso per fini commerciali
- non sono permesse modifiche

Alcune immagini sono state prelevate dal Web.
Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare nello spazio commenti e saranno eliminate immediatamente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
Powered by Blogger.