google-site-verification: googlee3c30f8ac430801b.html
"Alla fine, noi conserveremo solo ciò che amiamo, ameremo solo ciò che comprendiamo, e comprendiamo solo ciò che ci viene insegnato."
Baba Dioum
Benvenuti a tutte le ore di tutti i giorni

gioco con invito

sabato 18 luglio 2015

Gl'intrusi

Nessuno se n'è accorto prima, di quella piccola massa giallognola tra le foglie della pianta grassa, che non so nemmeno come si chiama.
Poi sono apparsi due grosse forme ovali, come due uova di un misterioso uccello di passaggio, in questa estate torrida, verso chissà quali destinazioni.
La sorpresa per l'apparizione della sera precedente ha raggiunto il culmine la mattina successiva: i due funghi si affacciavano tra il verde, con le cappelle giallo chiaro sovrapposte l'una all'altra  e i gambi  dritti e ben disegnati e se ne stavano lì, come se ci fossero stati da sempre.
Effimera presenza, già alla sera è iniziato il conto alla rovescia e, così come erano apparsi nella fioriera della terrazza, se ne sono andati, lasciando un piccolo ammasso informe.
Normale fenomeno botanico, favorito certamente dal clima caldo umido di questi giorni di luglio e dalle frequenti annaffiature che ristorano le piante, ma questa apparizione fugace, pur tipica dei funghi, ha qualcosa di inquietante, fa riflettere sulla precarietà di molte cose intorno a noi e che spesso sono quelle che assorbono  di più il nostro tempo a la nostra energia, a scapito di ciò che veramente conta nella vita.
Anche attraverso due  funghetti intrusi, la Natura manifesta tutte le forme di vita e  ci porta a riflere sull'esistenza.

28 commenti:

  1. è vero Marilena, questo tuo post fa riflettere e anche tanto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Annamaria,
      le sorprese sono sempre pronte e magari fossero sempre due funghetti gialli:)

      Elimina
  2. Belli questi funghetti Marilena.Buona serata ciaoooooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allegri nel loro vestito giallo...se pure per poco.
      Ciao Olga:-)

      Elimina
  3. anche se erano solo due funghi abusivi vedo che hanno lasciato il segno ad una ponderazione fatalistica... bello considerare anche le piccole cose come un segno del destino... buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Renata,
      è necessario dare un senso alle cose, considerando il significato delle più piccole.
      La domenica si presenta calda e, speriamo, serena, specialmente per gli animi:-)

      Elimina
  4. Mi è capitato di trovare dei funghetti in un vaso di basilico, un paio d'anni fa, ne ero rimasta colpita anch'io... di solito mi diverto a fotografarli nei boschi, non mi aspettavo di vederli in vaso!
    Ah, la grassina mi sembra un Sedum palmeri... : )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce n'erano anche nel giardino della scuola, i bambini erano curiosissimi.
      Ti ringrazio vivamente per avermi svelato il nome della pianta grassa. Ne ho molte e rigogliose, tutte "figlie" di una pianticella striminzita abbandonata nella corte,la forza della Natura!:))

      Elimina
  5. Ciao Fata Confetto.
    Hai ragione. Sono la metafora della nostra vita. Anche noi in fondo siamo "effimeri" se si tiene conto della vita dell'universo.
    In confronto ad esso noi nasciamo cresciamo e moriamo forse ancora più velocemente di quei funghi.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pat,
      ci affanniamo tanto e sembra che di niente si possa fare a meno, è il senso comune della vita, la spinta giorno per giorno. Non si può passare il tempo a meditare e magari a guardare, ma ogni tanto occorre fermarsi a riflettere:)

      Elimina
  6. Ciao Marilena è bello osservare e stupirsi di tutto ciò che ci offre la natura, ancor di più quando ci meraviglia in modo inconsueto... cogli l'attimo... sempre, perché la vita è questa e una.
    Bellissima anche la foto ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna Maria,
      talvolta basta guardarsi intorno con occhi da bambini e mente libera e si scoprono infiniti doni:)

      Elimina
  7. Con il tuo post hai dato loro una "vita" più lunga di quella che pensavano di aver vissuto.
    Non importa come o per quanto, ma sono riusciti a farsi notare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao FDW,
      in modo inconsapevole ho posto i funghettini al centro dell' attenzione mia, della mia famiglia, dei lettori dello schiaccianoci...insomma un quarto d'ora da superstar!!
      :-)

      Elimina
  8. Scusa ,ma su twitter non ho ancora capito differenza tra follow e following.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissim Olga,
      ti ho inviato un messaggio diretto e ti ringrazio per il tuo follow.
      Following= persone che ti seguono, follower= persone che segui tu.
      Nel mio accuon twitter c'è un problema ma funziona e la tua adesione è andata a buon fine.
      Grazie ancora e buona giornata:))

      Elimina
    2. Scusa,Olga, ho invertito i termini ( mannaggia questo inglese e questa fretta!)
      ERRATA CORRIGE
      Following=persone che segui tu ; follower=persone che ti seguono

      Elimina
  9. A parte i funghi che non posso mangiare anche se sono bellissimi mi è piaciuto molto il messaggio che ci hai fatto arrivare nell'incipit del post !!
    Mi piace anche il nome che hai dato al tuo blog..molto romantico!

    RispondiElimina
  10. Ciao,
    in effetti anche le cose più piccole sono segnali significativi che si offrono alla nostra riflessione.
    Quanto al romanticismo, c'è la tendenza a scambiarlo con il sentimentalismo, mentre in realtà è un fenomeno culturale molto complesso. Nella mia scelta concorrono piuttosto preferenze artistiche musicali ...e poi dovevo accasare la Fata Confetto del primo blog, chiuso per ragioni tecniche.
    Un cordiale saluto:-)

    RispondiElimina
  11. La natura non finisce mai di sorprendere, e felici gli occhi che si accorgono delle trasformazioni. Grazie Marilena!
    Un abbraccio e un caro saluto.♥
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dani,
      è bello farsi piccoli per vedere con gli occhi di un bimbo anche le meraviglie minuscole della Natura intorno a noi.
      Abbracci e saluti a te:)

      Elimina
  12. Ciao, forse come dici tu sono fenomeni assolutamente normali per questo clima, ma a me la natura sembra sempre magica, anche quando è una cosa consueta.

    Ciao
    Flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Flavia,
      quello che per la Natura è normale, per la sfera delle emozioni umane è sempre nuovo e sorprendente:)

      Elimina
  13. Ciao Marilena, splendido questo tuo fermarti a riflettere anche sulle più piccole cose della vita....che spesso non sono altro che lo specchio delle cose incredibilmente grandi. Bello dare un senso a tutto.
    Un abbraccio e l'augurio di una serena settimana.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Antonella,
      nelle tue parole identifico perfettamente il mio stato d'animo rispetto a ciò che, intorno a noi, sia pur piccolo e fugace, rappresenta la manifestazione del grande disegno di Madre natura ...e di Padre Tempo, direbbe il Grande Puffo!
      Ricambio saluti e abbracci:)

      Elimina
  14. Condivido Marilena :-)),Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Carolina, bentornata !
      Aspetto con piacere tue notizie per vederci presto:ricorda, telefono fisso, mi raccomando!

      Elimina

Grazie per il tuo commento:
se capiti qui per caso,
se ogni tanto vieni a trovarmi,
se la curiosità ti accompagna in giro per la rete,
anche un semplice saluto è sempre gradito.
Fata C

comunicazione

I contenuti presenti su questo e gli altri blog dei quali sono titolare sono pubblicati con licenza Creative Commons 3.0 Italia.
Se condivisi devono essere rispettati i seguenti diritti:
- attribuzione: deve essere citato il nome dell'autrice
- non è consentito l'uso per fini commerciali
- non sono permesse modifiche

Alcune immagini sono state prelevate dal Web.
Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare nello spazio commenti e saranno eliminate immediatamente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
Powered by Blogger.