google-site-verification: googlee3c30f8ac430801b.html
"Alla fine, noi conserveremo solo ciò che amiamo, ameremo solo ciò che comprendiamo, e comprendiamo solo ciò che ci viene insegnato."
Baba Dioum
Benvenuti a tutte le ore di tutti i giorni

gioco con invito

domenica 13 settembre 2015

Bello, eh??!!


Bello, eh??!!
Anche un dolce può avere  una storia dietro: di errori, pasticci, esasperazione, tempo che corre all'impazzata!
Ma la storia alla fine ha un lieto, anzi dolce ( sic) fine.
Perchè un dolce è qui, nel salotto del Lo schiaccianoci, invece di essere di là, in cucina, nelle Parole di contorno, insieme a tutte le altre ricette?
L'inizio di questo post lo fa intuire facilmente.
C'è dietro la storia di un fallimento disastroso, fortunosamente recuperato, ma che ...dolce fatica!!
"Ma dai, mamma, è buono lo stesso..."Mi ha generosamente consolato il mio primogenito Lorenzo, che ha  festeggiato  il  trentunesimo compleanno il 10 settembre scorso, alla vista dell'inqualificabile zuppone di latte, panna, biscotti sbriciolati e caffè,  che doveva comporre un semifreddo goloso. Idee per le torte di compleanno ne ho realizzate tante, di vari tipi, e questa dolce tipo Viennetta mi attraeva assai. Non immaginavo certo la disavventura che mi aspettava! Quella che doveva essere un elegante dessert  aveva assunto invece l'aspetto poco invitante di un pastone per i polli!
Ho apprezzato la sua buona intenzione, ma mi piangeva il cuore: io, food blogger orgogliosa delle proprie performance, presentare quell'obbbrobrio (tre B meritatissime, buono all'assaggio, peraltro, ma di orribile aspetto) e proprio al finale di una cena festosa, che si sarebbe aperta con un maestoso piatto di tortelli fatti in casa, tradizione e orgoglio di famiglia.
La notte porta consiglio, il vecchio proverbio vale anche per recuperare i dolci!
Mi sono alzata un po' prima e sono andata subito al frigorifero, sperando tacitamente che nel frattemp o la brodazza si fosse assorbita ed avrei coperto l'onta con uno strato di cacao in polvere, stile tiramisù ( nome alquanto appropriato al mio stato d'animo).
Delusione totale: la massa inzuppata galleggiava su uno strato liquido, non assorbito:verdetto inappellabile!!.
Con l'aiuto del frullatore ho potuto rimodellare l'impasto e l'ho spalmato  sugli  strati di biscotti secchi ( petit, marie per noi) , alternando con strati di crema nutella/mascarpone, l'SOS delle farce in emergenza. Avevo preparato delle sfoglie di cioccolato fondente che sono andate ad arricchire il tutto
 e infine copertura di cacao amaro e decorazione a siringa, ravvivata da amarettini e meringhette: ORA CI SIAMO!

12 commenti:

  1. Ciao cara, che buoni i dolci! Se poi sono pasticciati con amore hanno un sapore in più, prova ne è il tuo primogenito. Tanti auguri a Lorenzo. A te un abbraccio forte, forte.

    Emy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Emy,
      sempre comprensiva e dolcemente indulgente, è proprio il caso di dire, grazie:-)

      Elimina
  2. beh! a volte sperimentando capita ma è il bello sella sperimentazione ;)
    buon inizio settimana a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, Audrey, il risultato no,n deve essere scontato, si perde lo spirito della ricerca!
      Ma se si riesce a rimediare è meglio direbbe Puffo Quattrocchi!:-D

      Elimina
  3. Come si usa dire non tutte le ciambelle riesco con il buco ma l'importante che sia buona da gustare e comuqne come non può essere apprezzato un dolce fatto con amore?
    Un abbraccio :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carolina,
      non tutte le ciambelle riescono con il buco, ma anche i semifreddi hanno i loro problemi.
      E' stato un dolce di compleanno da ricordare, ma anche da gustare, alla fine:-)

      Elimina
  4. l aspetto è invitante!!! l importante è che fosse buono dai..... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah...dimenticavo....auguri a Lorenzo anche se in ritardo....

      Elimina
    2. Cara Fiore,
      questa è l'edizione riveduta e corretta...e mangiata!
      Grazie per gli auguri, sempre graditi, anche da parte di Lorenzo...come passa il tempo:))

      Elimina
  5. Ciao Marilena, passo per un saluto veloce al rientro dalla mia vacanza e trovo questo super dolce...è stato rielaborato con così tanto amore che sarà stato eccezionale. Tanti auguri a tuo figlio.
    A presto.
    Antonella

    RispondiElimina
  6. Grazie Antonella, il paticciaccio bello...e anche buono e poi abbiamo riso tanto:D
    Spero che tu sia rimasta contenta della la tua vacanza, a presto.un grande abbraccio))

    RispondiElimina
  7. E caspita qui il lieto fine ci sta tutto! Che golosità!

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento:
se capiti qui per caso,
se ogni tanto vieni a trovarmi,
se la curiosità ti accompagna in giro per la rete,
anche un semplice saluto è sempre gradito.
Fata C

comunicazione

I contenuti presenti su questo e gli altri blog dei quali sono titolare sono pubblicati con licenza Creative Commons 3.0 Italia.
Se condivisi devono essere rispettati i seguenti diritti:
- attribuzione: deve essere citato il nome dell'autrice
- non è consentito l'uso per fini commerciali
- non sono permesse modifiche

Alcune immagini sono state prelevate dal Web.
Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare nello spazio commenti e saranno eliminate immediatamente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
Powered by Blogger.