google-site-verification: googlee3c30f8ac430801b.html
"Alla fine, noi conserveremo solo ciò che amiamo, ameremo solo ciò che comprendiamo, e comprendiamo solo ciò che ci viene insegnato."
Baba Dioum
Benvenuti a tutte le ore di tutti i giorni

gioco con invito

domenica 11 ottobre 2015

"Inconfondibile" Panda bianca...

La mitica maniglia-non maniglia della Panda 750

Parcheggio la mia fedele Panda bianca lungo la strada che dalla Provinciale riporta verso il centro del paese. La mia meta è il vecchio edificio riqualificato di recente che ospita, insieme ad altri servizi, l'Uffico Anagrafe .
Un breve percorso in discesa, qualche saluto scambiato, ci si conosce tutti, qui. Una signora spazza le foglie d'autunno lungo la strada davanti a casa, abitudine paesana che integra il servizi NU, spesso lo sostituisce.
Assolta la semplice commissione all'Anagrafe, percorro a ritroso il tratto in lieve salita, mi accosto alla  Panda bianca e faccio l'atto di aprire lo sportello, lato guida, ovviamente.
Con mia sorpresa e anche un po' d'imbarazzo, lo sportello cede al movimento e si sposta dalla sua sede, penzolando e resta attaccato per la cerniera, ma inanimato come l'arto di un burattino al quale fosse stato tagliato il filo.
Richiudo precariamente, chiedendomi pechè non se n'era accorto nessuno della famiglia.
La Panda da qualche anno è passata all'uso prevalente di  mio figlio Michelangelo, lo ha acompagnato per tutti e tre gli anni di Università a Pisa, adesso lo aspetta tutti i giorni al ritorno in treno da Firenze per riportarlo a Vecchiano...possibile che...
Temendo che nella strada da lì a casa lo sportello si staccasse del tutto, con effetti disastrosi ( e figuraccia in piazza), ho chiamato al cell il mio molto stupito marito,che è subito partito dalla torneria per venire in soccorso dell'auto e della moglie.
Mentre aspettavo, la signora della ramazza ha parlottato brevemente con la figlia e poi mi son sentita chiamare "Ma la tua macchina è questa!"
Imbarazzo per l'imbranata figura, ma soddisfazione per l'integrità dello sportello. Soddisfazione condivisa da mio marito che, a parte lo scomodo, non avrebbe dovuto accollarsi la noia e la spesa della riparazione!
Abbiamo riso insieme alle compaesane per il ridicolo equivoco, ed io ho dato loro il pemesso ufficiale di raccontare la mia gaffe, tanto io l'avrei scritta sul blog, quindi...
E lei, la MIA Panda bianca, mi aspettava poco più avanti, figurarsi se io avevo controllato la targa!
L'avevo scambiata per una sua collega un po' più anziana e peggio messa: di Panda bianche ce ne sono ancora tante in giro!
Non è la prima volta e non sono la sola a cadere in errore.
Andare in giro con una Panda bianca è un po' come chiamarsi Mario Rossi.

26 commenti:

  1. Ciao,una simpatica lettura,la tua,ma sono cose che succedono.Molti anni addietro,possedevo un vecchia 500 prima serie di colore blu,uscito dall'ospedale dove controllavo l'evolversi di una frattura,entravo con la mia chiave in una 500 blu e solo dopo aver notato la mancanza del'autoradio comprendevo che non era la mia automobile e con grande paura di essere scambiato per un ladro,quatto,quatto mi allontanavo.La mia era a dieci metri di distanza.
    Felice giornata,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fulvio,
      mal comune mezzo gaudio!
      Il tuo aneddoto mi consola...e mi ripota al tempo delle care vecchie( e pericolosamente leggere) 500.In casa nostra è stata la prima macchina entrata, con mio fratello ventenne. La seconda è stata la mitica Dyane6 del '72, tuttora in servizio!
      :-)

      Elimina
  2. che colpo restare con la porta in mano!!! meno male che l'hai scambiata!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Renata...una seccatura imbarazzante, per fortuna l'imbranatura (abituaquesta volta è stata la benvenuta!
      :-D

      Elimina
  3. Ciao Fata Confetto... fatto a ch'io errore simile. Con il 126 dell'ufficio tantissimi anni fa!
    Panda... che macchina! Si aggiustava con niente ma in genere andava sempre!
    Bianche mai ma ne abbiamo avute 3: la 30, la 750 e la mille. Il nome? Pandina la prima, Celestina per via del colore la seconda, e Celeste Aida la terza che poi celeste nonn era però... :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...però era bello il riferimento all'opera verdiana, vero Pat??Vai che sei forte anche tu!!:)))

      Elimina
    2. Avevo un papà innamorato dell'opera! Sarà per quello :))

      Elimina
    3. Penso di sì, cara Pat, capita anche a me di avere care le cose che lo sono state per loro; è un modo di sentire vicino chi non è più tra noi, ma è sempre nel nostro cuore:))

      Elimina
  4. ahuahuahuahuahua
    come passare dall'infarto alla gioia pura...per fortuna non era la tua ;)
    a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, senza esagerare, ma un bel sospiro di sollievo, quello sì!!:-D

      Elimina
  5. Mi associo alla figuraccia, la mia recente.
    Con graffi alla fiancata parcheggiata al supermercato.

    Logicamente, dopo 5 minuti di panico, quasi lacrime e tentativi per capire quanto successo, ho tentato di aprirla: la mia era 2 macchine dopo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Barbara,
      ti capisco sai? Il danno per te era anche maggiore! Il sollievo quando si chiarisce l'equivoco ripaga per la figuraccia e per il batticuore!
      :-))

      Elimina
  6. Carina questa storia! E' capitato anche a me: parcheggio in stazione, torno dopo poco e tento di "scassinare" con le mie chiavi una che non ne vuole sapere di aprirsi. Panico! Dopo un pezzo mi rendo conto che non sono di fronte alla mia LanciaY azzura, ma ad una punto bianca ... Beh come scusante ho che era quasi buio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manu,
      sono momenti di imbarazzo che poi diventano motivo di battute sorridenti e autoironiche, ma mentre accadono mettono un po' in crisi, ammettiamolo!;-)

      Elimina
  7. Eccoti, Annamaria, vedo la tua Farfall@ tra i lettori!
    Grazie di cuore:)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego, l'ho fatto con gioia, io ogni tanto pasticcio con il template e qualcuno sparisce dal lettore... meno male che ricupero, infatti il tuo blog era sparito ma quando ho visto la prima pagina ho ricordato di averti già a suo tempo inserita nel lettore. Ahimè chiedo scusa.
      Riguardo al tuo post, lo trovo divertente, molto. A me successe invece che una sera, uscita dall'ufficio non ricordavo più dove avevo parcheggiato e pensai subito che mi avessero rubato la macchina...
      Ti aspetto sul mio blog cara <3

      Elimina
    2. Ah dimenticavo...la farfalla l'ho messa nel dimenticatoio e ho messo il mio viso. Alcuni blogger mi volevano vedere ed io li ho accontentati. Curiosoni/e sono, come se un viso potesse dire qualcosa di più...Mah
      Baciobacio

      Elimina
    3. Cara Annamaria, la tecnologia fa qualche scherzo, ma si finisce sempre per ritrovarsi!
      Del tuo viso, però, io vedo solo l'occhio, che poi è quello che conta, lo specchio dell'anima!
      Anch'io ho vissuto l'emozione di presunti furti e smarrimenti, dato l'espetto anonimo della Panda bianca...passo a trovarti sui tuoi blog: anche tu ne hai più di uno, vero?
      A presto:-)

      Elimina
    4. 2 blogs
      http://annafraledonne.blogspot.it/ dove parlo di noi donne
      http://ilmioviaggio07082014.blogspot.it/ a cui tu sei già iscritta
      A presto... <3

      Elimina
    5. Grazie Annamaria,
      passero con vero piacere, buonanotte, a presto:-)))

      Elimina
    6. Non vedo però i miei links nel tuo widget dei blog amici.
      Scusami la precisazione ma i favori si ricambiano... almeno io seguo questa linea di comportamento.
      Abbraccio

      Elimina
    7. Scusami tu, è un po' che non aggiorno il blog roll, hai fatto bene a farmelo presente, grazie:))

      Elimina
  8. Succedono queste cose,io ho parcheggiato tutto deserto,e sono andata a fare la spesa, sono tornata il parcheggio era pieno,provo ad aprire la macchina e non si apre,prova e riprova po i mi accorgo che non era la mia , era parcheggiata proprio di fianco....

    Ciao ciaoo Magda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Magda,
      ho pubblicato questo post perché ero certa che la mia distrazione avrebbe trovato buona compagnia!:-D

      Elimina
  9. Ahahhahah ohhh Marilena :-))
    Comunque è vero non sei la sola quando avevo la mia vecchia macchina lo facciao di sovente in quanto nel mio condominio eravamo in due ad averla e oltretutto erano ammaccate quasi nel medesimo modo,una mattina non riuscivo ad aprirla e brontolavo solo dopo cinque minuti abbondanti mi sono resa conto che non era la mia :-)) tutto questo sotto gli occhi di un vecchietto divertito.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carolina,
      siamo irresistibili nella nostra incommensurabile sbadataggine...e Eghetta cosa ti disse...o se la spassava ridendo anche lei con il vecchietto:-D

      Elimina

Grazie per il tuo commento:
se capiti qui per caso,
se ogni tanto vieni a trovarmi,
se la curiosità ti accompagna in giro per la rete,
anche un semplice saluto è sempre gradito.
Fata C

comunicazione

I contenuti presenti su questo e gli altri blog dei quali sono titolare sono pubblicati con licenza Creative Commons 3.0 Italia.
Se condivisi devono essere rispettati i seguenti diritti:
- attribuzione: deve essere citato il nome dell'autrice
- non è consentito l'uso per fini commerciali
- non sono permesse modifiche

Alcune immagini sono state prelevate dal Web.
Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare nello spazio commenti e saranno eliminate immediatamente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
Powered by Blogger.