google-site-verification: googlee3c30f8ac430801b.html
"Alla fine, noi conserveremo solo ciò che amiamo, ameremo solo ciò che comprendiamo, e comprendiamo solo ciò che ci viene insegnato."
Baba Dioum
Benvenuti a tutte le ore di tutti i giorni

gioco con invito

giovedì 22 ottobre 2015

Tre Haiku d'Autunno


La prima nebbia 
velando le colline
 chiama l'autunno 

*****


Sfiorando rami

 il vento dell'autunno

 ruba le foglie

****
  

Aghi di pino,
andando per i boschi,

silenzio e funghi 

 ****

10 commenti:

  1. Uno più bello dell'altro, tutti e tre diversi ma tutti e tre esprimono dei lati dell'autunno! **

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Miki,
      la sintesi alla quale questa metrica "costringe" aiuta a ricercare significati ed emozioni e l'autunno è un argomento immenso :-)

      Elimina
  2. Complimenti. L'autunno: un diamante con tante facce e tutte meravigliose.
    Ciao ciao
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sinforosa
      certamente tu saprai da cosa si riconoscono le maestre in autunno: dalle foglie!! Ne hanno sempre per le mani...Buon autunno a te e ai tuoi piccoli allievi:-)

      Elimina
  3. Veramente belli! E l'autunno è davvero un momento pieno di colori, luce particolare, silenzio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Glò,
      la tavolozza e l'atmosfera dell'autunno sono fonte inesauribile di sensazioni e di emozioni :-))

      Elimina
  4. A me l'autunno principalmente per i suoi colori che tu hai reso perfettamente nelle tue foto ma confesso che non amo molto le poesie haiku
    Abbraccio
    PS ti aspetto sui miei blogs

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Haiku, comea altri generi di mertica, o si ama o si odia, nel senso della costrizione che può essere vista come limite. La sintesi che l'Haiku implica è il motivo del suo fascino,insieme alle componenti della poetica, tempo, natura, emozioni, che trascendono ilmero computo sillabico.
      A presto:-)

      Elimina
  5. Adoro gli haiku e li propongo sempre anche ai bambini che ne compongono di meravigliosi.Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cao Tina,
      l''uso creativo della lingua dà sempre enormi, meravigliose sorprese nella pratica educativa.
      "I poeti siamo noi" si chiamava un mio vecchio progetto per i bambini dell'ultimo anno della scuola dell'infanzia, un ricordo che ancora mi emoziona.Brava te, che valorizzi queste potrenzialità nei tuoi alunni:-)

      Elimina

Grazie per il tuo commento:
se capiti qui per caso,
se ogni tanto vieni a trovarmi,
se la curiosità ti accompagna in giro per la rete,
anche un semplice saluto è sempre gradito.
Fata C

comunicazione

I contenuti presenti su questo e gli altri blog dei quali sono titolare sono pubblicati con licenza Creative Commons 3.0 Italia.
Se condivisi devono essere rispettati i seguenti diritti:
- attribuzione: deve essere citato il nome dell'autrice
- non è consentito l'uso per fini commerciali
- non sono permesse modifiche

Alcune immagini sono state prelevate dal Web.
Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare nello spazio commenti e saranno eliminate immediatamente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
Powered by Blogger.