google-site-verification: googlee3c30f8ac430801b.html
"Alla fine, noi conserveremo solo ciò che amiamo, ameremo solo ciò che comprendiamo, e comprendiamo solo ciò che ci viene insegnato."
Baba Dioum
Benvenuti a tutte le ore di tutti i giorni

gioco con invito

venerdì 10 giugno 2016

Cari umani, oggi vi scrivo io


 
Questo è il post pubblicato questa mattina da Patricia, autrice del blog
non c'è niente da aggiungere a queste toccanti parole, se non il divulgarle il più possibile perché entrino  con forza nel cuore e nella mente di tutti coloro che amano gli animali, ma sopratuttto di quelli che non li amano abbastanza!:-(



Cari Umani,
sono Papaya, una cagnolina, un mix tra beagle e segugio francese. Un terremoto mi dicono :)
Non stupitevi se proprio io, una cagnolina terremoto, vi scrivo. Anche noi animali proviamo sentimenti come amore, paura, dolore. E, credetemi! Ve lo facciamo anche capire.
Dovete solo aver voglia di farlo.
Oggi vi scrivo io ma non solo per me. Lo faccio a nome di tutti gli animali che sovente voi Umani prendete come animali da compagnia.
Che sia al canile o in un allevamento, che sia gratuitamente che dietro lauto pagamento, noi cani, i gatti, i criceti e tanti altri, in questo periodo corriamo dei seri rischi. 
Già! Ci si avvicina al periodo delle ferie e questo significa purtroppo ulteriori nuovi abbandoni.
Quando ci avete scelto e portato a casa vostra eravate contenti. Vi piacevamo.
Noi da parte nostra eravamo al settimo cielo. Magari impauriti perchè non sapevamo cosa aspettarci, soprattutto noi che arriviamo da un canile. Però.... però vi abbiamo subito amati.
Il calore di una famiglia, una cuccia confortevole, cibo e acqua senza problemi, coccole, giochi e corse... ci siamo sentiti in paradiso e Voi, sì, proprio Voi, siete diventati il nostro unico Dio. L'amore della nostra vita.
Ecco! L'amore della nostra vita e per voi, noi cani siamo disposti a perdere la nostra.
Non vi abbandoniamo se non state bene. Sopportiamo il vostro malumore e cerchiamo di consolarvi. Perchè noi vi amiamo alla follia.
Possiamo essere discoli, troppo vivaci ma potete educarci e farci capire cosa volete anche senza bastone o calci nel didietro. Comprendiamo i vostri insegnamenti e siamo capaci di soffrire, provare dolore.
Voi dovete capire che la pappa, l'acqua, una copertina in inverno per noi sono importantissimi ma il vostro amore è tutto.
Purtroppo non sono tutti fortunati come me che oltre alla casa ho trovato una vera famiglia. Quattro anime che si perdono per me. Per le quali io darei tutto quello che ho e anche di più. Ci sono anche animali che pur trovando qualcuno che li accudisce hanno solo cibo ma mai una carezza, un bacio, un gioco insieme.
Animali che rischiano in ogni periodo estivo.
Dimostrateci che il vostro amore dei primi giorni non era solo un fuoco di paglia. Fateci capire che il cibo che ci date, le vostre carezze, il tempo che ci dedicate vengono dal profondo del vostro cuore. Insegnateci che l'autostrada è un lungo rotolo di asfalto per spostarsi non una discarica di animali che ingombrano o che diventano vecchi.
Amateci anche quando saremo vecchi. Curateci come si fa come qualunque malato in casa perché noi non siamo solo animali domestici. Siamo parte integrante della vostra famiglia.
E se arriverà il momento in cui il veterinario vi dirà che non c'è più nulla da fare per noi, che dovete prendere l'estrema decisione finale, stateci vicini in quel momento. Il dolore fisico può essere fortissimo ma morire con i nostri occhi perduti nei vostri, regalarvi il nostro ultimo respiro e rubare per tenere nel nostro cuore il vostro respiro ci renderà la partenza meno straziante.
Ma soprattutto, non abbandonateci ora per andare a godervi le ferie!
Non abbandonateci ad una vita di stenti e privazioni, a malattie, ad una morte quasi certa per investimenti o lotte per la sopravvivenza.
Non abbandonateci perché noi non lo faremmo mai!

Ricordatevi che Voi siete la ragione della nostra vita. Siete il sole che sorge al mattino, la pioggia dopo la siccità, l'amore incondizionato dopo la solitudine.

Ricordatevi di urlare forte NO ALL'ABBANDONO!!!!!
E magari anche di segnalare all'ENPA eventuali randagi che potreste incrociare. Li potrete salvare ed eviterete anche danni a persone.

Un bacio a tutti
Papaya.
Bauuuuuuuuu

15 commenti:

  1. Cara Marilena, mi ha proprio colpito questo post che viene dalla cara Patricia, lo ho affermato che le manca solo la parola hai nostri amici cani, poi potrebbero fare scuola ha tutti noi, insegnandoci coso vuol dire amare veramente.
    Ciao e buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Ciao Tomaso,
    anch'io sono rimasta colpita dall'articolo di Patricia, che ha saputo mettere a fuoco il problema in modo così coinvolgente, senza scadere nel patetico. I nostri fedeli amici a 4 zampe se lo meritano!:-)

    RispondiElimina
  3. Grazie Tomaso e Marilena!
    E' un problema che mi sta molto a cuore.
    Abitiamo in campagna e in queso periodo di randagi ne passano sempre troppi. Essendo poi entrata in canile due volte per prendere un cane, Papaya e prima ancora Pippo, abbiamo visto che nonostante la pulizia, il cibo, le cure mediche, l'area di sgambamento per correre e l'impegno e l'affetto che volontari dedicano a questi animali... nonostante tutto il loro sguardo ha un fondo di tristezza incredibile.
    Melgio in quel canile che randagi senz'altro ma perchè farli finire lì dentro quando prima lo avevi portato a casa? E' questo che non capisco. Non lo ami più? Non è più di moda? Ti sei stufato?
    Eppure ogni anno è così....

    Grazie della condivisione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patricia,
      la lettura del tuo post questa mattina mi ha profondamente colpito, anche per il registro che hai usato, non quello del pietismo , ma la voce forte e oggettiva della realtà della cose, che basterebbe in fondo poco perché migliorassero, un po' di affetto e qualche cura, abbondantemente restituita in tenera compagnia e,talvolta, aiuto concreto.
      Per questo, anche senza chiedertelo, ho rolanciato il post, un piccolo gesto:)

      Elimina
    2. Hai fatto benisSimo!Anzi grazie ancora perchè si deve parlare di abbandono, non si deve nascondere la cosa... tentare di far cambiare testa alle persone...
      Bacio

      Elimina
  4. Non ho un cane, ma non approvo, chi lo prende e poi lo abbandona quando non ha più tempo per lui. Se decidi di prenderlo è per sempre. Buona serata un bacione Fabiola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fabiola,
      concordo pienamente con il tuo pensiero!
      Trattare un animale come un oggetto è un'azione riprovevole, indicee di mancanza di senso morale ecivile,per non parlare dell'affettività che fa parte del rapporto con un essere vivente:)

      Elimina
  5. Non sono arrivata al fondo , proprio non riesco senza incominciare a commuovermi..
    Forse sono sciocca chissà..ma gli animali mi hanno sempre salvato la vita. E di recente non aver potuto tenere un cane per incompatibilità di carattere con la mia cagnotta e soprattutto averlo dato ad una famiglia che credevo per sempre, e invece lo ha riportato in canile, mi distrugge ancora ora.
    Disperatamente cerco un padrone per lui che lo merita per la bellezza e la bontà, e chi ha un cane può largamente capirmi..
    Un bacio serale mia cara!

    RispondiElimina
  6. Carissima Nella,
    non immagini come mi fa piacere la tua visita!Mi dispiace solo che questo argomento rinnovi il tuo dolore per quel cane sfortunato: avevo letto sul blog la sua e tua vicenda e mi aveva colpito, perché avere affetto e casa e poi riperderli è triste anche per una bestiola:)))

    RispondiElimina
  7. Hello Sakuranko,
    thank you very much:-)

    RispondiElimina
  8. Carissima Fata, la mia Didì l'ho raccolta dentro un sacco della nettezza sei anni fa, aveva 40/50 giorni, era con la sua mamma ed una sorellina ... qualcuno non le voleva e pensò che la cosa migliore fosse semplicemente buttarle via!
    oggi è la mia ombra e sinceramente non so se, adesso, sono io che mi prendo cura di lei oppure è lei a prendersi cura di me ...

    Hai letto "Dalla parte di Bailey (Una storia per umani)" e "Il viaggio di Buddy (Un'altra storia per umani)" ?

    bellissimi ed in stile Papaya!

    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao FDV,
      la storia della tua Didì commuove e fa riflettere su quanto sia sciagurato chi agisce con tale crudeltà.
      Gli animali danno in modo disinteressato compagnia e affetto, noi umani abbiamo molto da imparare.Cercherò le letture che mi suggerisci e ti ringrazio per la segnalazione!
      Un caro saluto:-)

      Elimina
  9. La mia piccola Dorothy è un'altra cagnolina fortunata: tirata fuori dal canile, vive in casa con noi circondata da affetto e coccole, ma sappiamo quanti siano i cagnolini che soffrono sia per mancanza di amore sia perchè cacciati o rinchiusi nei canili.
    Basterebbe così poco per farli felici anche un'adozione a distanza, che ormai molti canili hanno intrapreso per coloro che non hanno la possibilità di avere un animale domestico in casa.
    Buon pomeriggio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela,
      quando un animale trova casa e affetto, come la vostra piccola Dorothy , è sempre una bella storia da ascoltare, ma soprattutto da mettere in pratica!:-)

      Elimina

Grazie per il tuo commento:
se capiti qui per caso,
se ogni tanto vieni a trovarmi,
se la curiosità ti accompagna in giro per la rete,
anche un semplice saluto è sempre gradito.
Fata C

comunicazione

I contenuti presenti su questo e gli altri blog dei quali sono titolare sono pubblicati con licenza Creative Commons 3.0 Italia.
Se condivisi devono essere rispettati i seguenti diritti:
- attribuzione: deve essere citato il nome dell'autrice
- non è consentito l'uso per fini commerciali
- non sono permesse modifiche

Alcune immagini sono state prelevate dal Web.
Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare nello spazio commenti e saranno eliminate immediatamente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
Powered by Blogger.