google-site-verification: googlee3c30f8ac430801b.html
"Alla fine, noi conserveremo solo ciò che amiamo, ameremo solo ciò che comprendiamo, e comprendiamo solo ciò che ci viene insegnato."
Baba Dioum
Benvenuti a tutte le ore di tutti i giorni

gioco con invito

domenica 28 agosto 2016

Tanti auguri, Topolino!


 Una vecchia signora di 80 anni, ancora civettuola e con tante storie da raccontare, memoria già storica e ancora attuale di un'Italia che nei decenni è cambiata un po' in meglio e un po' in peggio...
Si celebrano gli ottanta anni dall'apparizione della prima FIAT 500 "Topolino", la piccola autovettura che avrebbe segnato l'inizio di una nuova epoca per gli Italiani, prodotta dal 1936 al 1955 e che, a  sessant'anni dall'uscita dell'ultimo esemplare, fa ancora parlare di sé... e con quanta passione, non solo  gli amatori delle auto d'epoca e  della soria del costume, ma anche  chi naviga con emozione e un po' di nostalgia tra lontani e cari ricordi.
Anche per la mia famiglia la "Topolino ha avuto una storia speciale.
Come tutte le cose che hanno vissuto a lungo, anche la piccola utilitaria  ha una storia assai lunga e articolata, intrecciata con persone e luoghi diversi: il biografo ufficiale  è mio fratello Mariano e i suoi racconti estemporanei e frammentari, tranne le utime informazioni, un po' più sistematiche per non uscire esageratamente dal seminato proprio qui, su Lo schiaccianoci...nella mia casa virtuale!
In seguito a varie vicissitudini e passaggi ( reali, ma non ufficializzati) da un proprietario all'altro, i cui particolari, come in molte storie, si perdono se non nella notte dei tempi in un passato quasi remoto, la Topolino ( che qui abbiamo sempre chiamato "il Topolino", con uno spontaneo cambio di genere) negli anni 70 si trovava alloggiata in una grande officina fuori Pisa, dove lavorava il figlio dell'allora proprietario, amico di un'amico di mio fratello.
Il Topolino perse il diritto a quel ricovero quando il ragazzo cambiò lavoro e suo  padre decise, in alternativa a una fine ingloriosa, di regalarla ai ragazzi interessati "purché la salvassero!"

La vetturetta aveva bisogno di un energico intervento di recupero, che avrebbe impegnato tempo, capacità e risorse, ma la passione vince ogni difficoltà e i ragazzi si misero all'opera.
Ma per poter mettere su strada il rinnovato piccolo tesoro, era necessario assolvere le dovute formalità burocratiche.Si prospettava una piccola odissea per mettere le cose a posto, poiché il legittimo proprietario risultava essere ancora il primo acquirente, che lo aveva a suo tempo venduto a un militare per la cifra di £70.000...il resto è storia e siamo al punto del passaggio di proprietà.
Qualche rimpianto da parte del vecchio proprietario che avrebbe anche ripreso la rediviva utilitaria fu messo giustamente a tacere, adducendo l'allora avvenuta vendita, niente da ridire!


Con il cambio della targa da   LU-17xxx in PI-24042 c'era un bel salto di parecchi anni 
e così, come fa piacere alle signore di tutte le età, la non più giovanissima Topolino
 si trovò anche ringiovanita!

 Con le apposite lunghe e pazienti cure da parte dei nuovi zelanti proprietari e il nuovo loock completato dalla verniciatura in un fiammante "Rosso Ferrari" e da una leziosa tendina parasole orientabile di stoffa a righe, che mi vanto di aver cucito io, abbellita da una spiritosa passamaneria composta da palline, oscillanti ad ogni minimo movimento, finalmente la Topolino riprese la sua marcia sulle strade del territorio, salutata con simpatia come si addice a una vecchia conoscenza che fa sempre piacere rivedere in giro
Brevi "corse", se si può definirle tali, alternate a lunghi periodi di riposo in adeguati ripari  e la vita della topolino si è  felicemente prolungata fino ai nostri giorni.
Dismesso l'abito rosso, adesso sfoggia un elegante lucidissimo colore nero, nel quale si specchia l'orgoglio di una automobile diventata un simbolo del suo tempo.


15 commenti:

  1. Sempre giovane.
    Ciao carissima
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una Topolino è per sempre, come un diamante!
      Ciao Sinforosa:-D

      Elimina
  2. Cara Marilena, lo sai che la sogno! ce un mio amico alpino in Italia che ne ha una ed è tenuto come un gioiello, sono auto d'epoca che più il tempo passa e più ti affezioni e il valore di collezione non ha prezzo!!! Ciao e buona settimana cara amica, con un abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo credo che la sogni, caro Tomaso!
      Una macchina che riporta indietro nel tempo più generazioni di Italiani ed è ancora sulla breccia!
      Saluti cari:-)

      Elimina
  3. Ciao Marilena,tantissimi ricordi da questa bellissima automobile,guidata negli anni "50 da una mia zia.Io ero un bambino ma il ricordo delle giornate passate con la zia Silvia e la sua "Topolino" sono indimenticabili.
    Un caro saluto,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fulvio,
      allora le automobili erano rare ,fare in auto uno spostamento, anche breve, era un avvenimento memorabile.
      Un carissimo amico del mio babbo aveva la giardinetta, altro mito del passato: mio fratello, appassionato di auto fin da bambino, si doleva di non potervici salire nonostante gli inviti, perchè il proprietario faceva il lattaio ( da noi lattaiolo) e lui non poteva soffrire l'odore persistente del latte: occasioni sprecate!:-D

      Elimina
  4. Che bello avere ancora una mitica Topolino e quanti bei ricorrdi legati ad essea !!! Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mirtillo,
      ci sono cose che diventano emblematiche e suscitano emozioni, evocano ricordi di tempi lontani, forse difficili, ma sereni e questo ce le rende care:-)

      Elimina
  5. Questa macchina è veramente bellissima un pezzo di storia dell'automobile. Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai è come una persona di famiglia, insieme alla Dyane6 del 1972: eri nata Fabiola??.
      Le automobili possono essere solo oggetti da usare o diventare parte della nostra vita, ma ci vuole passione!
      Buona serata a te:-)

      Elimina
  6. Me la ricordo molto bene la "topolino"!Buon fine settimana Marilena...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Olga,
      una macchina che è stata ed è tuttora un simbolo per la nostra generazione!
      Buon proseguimento di settimana a te:-)

      Elimina
  7. Ciao Marilena, è davvero un gioiello!
    Deve esservi davvero carissima, una parte della storia di famiglia.
    Un abbraccio grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariella,
      per me quella della Topolino è una storia trasversale, vissuta attraverso la passione per la meccanica e la lunga vicenda della vecchia utilitaria che mio fratello ha sempre curato attraverso i decenni con tanta dedizione.
      Ricambio il tuo abbraccio con affetto:-)

      Elimina
  8. Grazie, Elfazzurra, per il follow, ma c'eri già...misteri di Blogger!!:-)

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento:
se capiti qui per caso,
se ogni tanto vieni a trovarmi,
se la curiosità ti accompagna in giro per la rete,
anche un semplice saluto è sempre gradito.
Fata C

comunicazione

I contenuti presenti su questo e gli altri blog dei quali sono titolare sono pubblicati con licenza Creative Commons 3.0 Italia.
Se condivisi devono essere rispettati i seguenti diritti:
- attribuzione: deve essere citato il nome dell'autrice
- non è consentito l'uso per fini commerciali
- non sono permesse modifiche

Alcune immagini sono state prelevate dal Web.
Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare nello spazio commenti e saranno eliminate immediatamente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
Powered by Blogger.