google-site-verification: googlee3c30f8ac430801b.html
"Alla fine, noi conserveremo solo ciò che amiamo, ameremo solo ciò che comprendiamo, e comprendiamo solo ciò che ci viene insegnato."
Baba Dioum
Benvenuti a tutte le ore di tutti i giorni

gioco con invito

lunedì 14 marzo 2016

Promessa di Primavera


La primavera si annuncia con profumi e germogli.
La magnolia grandiflora ha aperto i suoi grandi fiori bianchi o rosa, che  sui rami, nudi e  legnosi, stupiscono ancora di più. Le mimose già da tempo macchiano di giallo il paesaggio.
Marzo, adesso già trascorso per metà,  è arrivato con una pioggerellina minuta, dopo una mattinata  a intervalli di sole e nuvole bianche,  per non smentire la sua fama pazza  e i versi della famosa poesia. Ancora ai monti è neve e la temperatura gelida lo conferma.
La primavera è ancora una promessa, ma i segni confermano il risveglio della Natura.
L'erba è la prima a rinverdire, le gemme sono impazienti.
Intanto il calendario va  avanti. Quando suonano le campane già richiamano il clima di festa e di rinnovamento della domenica delle Palme e della  Pasqua, quest'anno già prossima, a fine marzo.
C'è un proverbio che recita: "Alta o bassa, la primavera è a Pasqua". Insieme al risveglio della Natura si comincia a pensare alla festa, al menù di pasqua che in ogni zona vanta le sue caratteristiche vivande, al ritorno di riti antichi che riportano devozione e tradizione del passato nel nostro mondo così troppo spesso frastornato dal vorticoso ritmo della vita di oggi.
Andando indietro negli anni, mi ricordo l'incanto dell'immagine che sul mio libro di lettura delle elementari illustrava la primavera: una fata dalla veste fiorita, spargeva petali avanzando leggiadra, bocca e occhi cerulei ridenti  e fiori intrecciati nei capelli biondi al vento, tinte tenui  come il verde tenero dell'erba appena spuntata e il celeste del cielo che occhieggia tra le nuvolette bianche. Non avrei saputo immaginare niente di più bello.
Ho provato a cercarla in rete, dove ho trovato immagini bellissime, ma troppo sexy o "elfiche", o...
Ho ripiegato su una fatina dolce, circondata dai piccoli abitanti del bosco..
L'immagine del mio ricordo, come quelle dei sogni, è svanita per sempre e solo la memoria di lontani incanti  d'infanzia può farla rivivere.

martedì 8 marzo 2016

Donne: guardare indietro per andare avanti

Dal sito ufficiale della Regione Piemonte - Ass.Pari opportunità - manifesti storici

Le mimose che già da un mese sfoggiano le brillanti chiome gialle e invadono i giardini con il loro  profumo pungente forse non si aspettavano questo ripensamento di un inverno che si è risolto tardivamente a mostrare il suo abito gelido.
Da quando questo umile e popolar fiore fu scelto, proprio per queste sue caratteristiche, da Teresa Mattei come simbolo delle lotte delle donne ( non contrapposte all'uomo, ma consapevoli, presenti e attive nella vita civile) mimosa significa 8 Marzo, Giornata Internazionale della Donna.
Una ricorrenza dalle origini controverse, ma sia che si ricordi la  lotta delle donne russe per far cessare la guerra, sia che si rievochi il tragico incendio della fabbrica americana, resta univoco il motivo di quelle azioni, lontane nel tempo e nello spazio, insieme ad altri scenari di protesta, ad altri episodi ed eventi : il riscatto della dignità e dei diritti, il superamento di umilianti e immotivate differenze di genere, la richiesta di legittime condizioni nella società, nel lavoro e, prima di tutto, in famiglia.
E' sorprendente come, sebbene si tratti di avvenimenti relativamente recenti, date e luoghi abbiano subito una sapiente manipolazione a camuffare matrici ideologiche non gradite alla cultura occidentale, tanto da sovrapporre e confondere eventi da un'epoca a un'altra, dalla Russia agli Stati Uniti.
Rimane intatto, in questo discutibile meccanismo di fozato adattamento, il ruolo delle donne come protagoniste del cambiamento sociale, in prima persona e a carissimo prezzo, vita compresa, come le tragiche cronache recenti dimostrano e come tutto ciò sia tutt'altro che retorica scontata, simbolo di tempi storicamente superati, ma al contrario sia  ancora drammaticamente attuale .
Il gradito omaggio del gentilissimo amicoTOMASO, autore del blog "Passato e Presente"

comunicazione

I contenuti presenti su questo e gli altri blog dei quali sono titolare sono pubblicati con licenza Creative Commons 3.0 Italia.
Se condivisi devono essere rispettati i seguenti diritti:
- attribuzione: deve essere citato il nome dell'autrice
- non è consentito l'uso per fini commerciali
- non sono permesse modifiche

Alcune immagini sono state prelevate dal Web.
Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare nello spazio commenti e saranno eliminate immediatamente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
Powered by Blogger.